La Banca d’Italia ha sempre svolto il proprio compito rispettando le regole, ha sempre collaborato e continuerà a farlo ed è pronta a fornire, “come sempre”, tutte le informazioni disponibili, così come è pronta a rendere conto del proprio operato, nelle sedi istituzionali. Intervistato in apertura di prima pagina dal direttore del Corriere della Sera, il governatore di Bankitalia Ignazio Visco interviene sul caso della Popolare di Bari. E spiega che il commissariamento è stato disposto “quando le perdite hanno ridotto i livelli di capitale al di sotto dei minimi stabiliti dalle regole prudenziali“. Nella lunga intervista a Luciano Fontana ribadisce: “Abbiamo fatto il nostro dovere e vigilato rispettando le regole”.

Dopo le critiche arrivate in questi giorni sui compiti di Bankitalia, Visco osserva che “bisogna esaminare individualmente le due attività: quella di vigilanza e quella di gestione e risoluzione delle crisi, che sono cose diverse. La vigilanza sulle banche ha svolto il suo compito, con il massimo impegno e io reputo positivamente. La scelta di porre in amministrazione straordinaria questa banca è il risultato, come sempre in questi casi, di un’attenta analisi, è un atto possibile in termini di legge solo dopo aver rilevato gravi perdite o carenze nei sistemi di governo societario. Ma la vigilanza non può intervenire nella conduzione della banca, che spetta agli amministratori scelti dagli azionisti. La banca deve seguire delle regole, la vigilanza verifica che ciò effettivamente accada”.

Banca d’Italia, continua il governatore, dal 2007 ha posto “in amministrazione straordinaria circa 80 intermediari: più della metà è tornata alla gestione ordinaria, per quelli liquidati o aggregati con altre banche, non vi sono state, nella generalità dei casi, perdite per depositanti e risparmiatori. La soluzione ordinata delle crisi bancarie, di per sé non semplice, è complicata dal nuovo approccio europeo in materia di gestione delle crisi e aiuti di Stato. Ma questo non ha niente a che fare con l’essere arbitro e giocatore“. Comunque, puntualizza Visco, “sono stati difesi correntisti e risparmiatori“. E sulla Tercas, aggiunge, la Popolare di Bari paga la mancata trasformazione in società per azioni. Poi osserva che l’intervento del Fondo interbancario e del Mediocredito centrale è volto “a evitare scenari liquidatori e possibili perdite per i risparmiatori che detengono depositi e obbligazioni”.

Bankitalia ha sempre collaborato e continuerà a farlo, insomma, sottolinea il governatore, aggiungendo che si lavora “a stretto e continuo contatto con il governo, con tutti i governi”. “Anche al ministro Gualtieri – rileva Visco – abbiamo fornito e continueremo a fornire, come sempre, tutte le informazioni disponibili”. Ed evidenzia che Bankitalia è pronta a rendere conto del proprio operato, come ha sempre fatto, nelle sedi istituzionali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, tasso di povertà ridotto del 60 o dell’8%? Ecco cosa dicono davvero i numeri dell’Inps

next
Articolo Successivo

Industria, Gualtieri: “Basta tabù. Lo Stato azionista fa bene al mercato. Il pubblico non può solo fare le regole, ma deve anche agire”

next