Centinaia di lavoratori si sono ritrovati davanti al palazzo della Regione Lombardia per un presidio: nel mirino gli esuberi annunciati dall’ad di Conad, Francesco Pugliese, dopo l’acquisizione dell’ormai ex Auchan. “In questo paese ci sono leggi da rispettare, vogliamo ricordarlo”, dicono dalla piazza. O ancora: “Non si gioca con le persone e con il loro lavoro. Pugliese non può venirci a raccontare le barzellette di Natale. Non siamo articoli in vendita, vogliamo rispetto”. Con loro anche il segretario nazionale Filcams Cgil, Alessio Di Labio: “Il rischio è certo per 3500 esuberi, altri 2500 sono sospesi. Un atteggiamento di Conad che non è di trattare, ma di svuotare i punti vendita attraverso licenziamenti. Questa non è una trattativa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Supermercati, l’acquisizione di Auchan è un affare per Conad (insieme a Mincione). Ma i dipendenti pagano un conto salato

next
Articolo Successivo

Alitalia, cassa integrazione straordinaria prorogata fino al 23 marzo per 1020 dipendenti

next