L’esistenza e la dignità vengono prima del prodotto e dei prezzi”. Sono i fondamenti del lavoro per Lucio Cavazzoni, ex presidente di Alce Nero e co-fondatore di una nuova start-up agricola, Good Land, presentata a Bologna. L’impresa ha un obiettivo chiaro, “che è più alto dell’affare specifico: produrre un impatto positivo sul territorio – spiega Cavazzoni -. È il tempo di passare dalla comunicazione alla relazione, dal marketing infingitore a quello che crea coscienza, dal raccontare al fare”.

L’idea è quella di un’impresa nuova, attenta al territorio e alle persone che lo vivono. Good Land, infatti, rappresenta una terra che è sempre buona perché offre vita – come pensavano i nativi Lakota confinati dai colonialisti europei nelle ‘Badlands’ del sud Dakota – e che quindi va rispettata. “L’attuale gestione delle risorse naturali e umane e le politiche che governano il pianeta – afferma Cavazzoni – concepiscono solo l’accaparramento delle risorse, il loro consumo fino alla distruzione e mai la loro rigenerazione. E il mondo delle imprese, molto più dei singoli individui, ha una grande responsabilità sul depauperamento ambientale e sociale ormai evidente a tutti”.

La priorità di Good Land è di contribuire a creare impatto sociale e ambientale insieme alle comunità, facendo in modo che i prodotti creino consapevolezza. E di mettere al centro la salute delle persone e dell’ambiente, attraverso una ricerca scientifica che attraverserà le fasi di creazione dei progetti che si svilupperanno nei prossimi mesi in particolare negli Appennini, a partire da quelli emiliani, con produzioni lattiero-casearie.

Ma c’è già un primo prodotto, che nasce su altri territori: la passata di pomodoro contro il caporalato, prodotta insieme all’associazione No Cap nelle aziende agricole di Rignano Garganico, nel Foggiano: “Un calcio al caporalato, al lavoro illegale, allo schiavismo”, afferma sempre Cavazzoni. Ma a spiegare meglio questo prodotto è Yvan Sagnet, presidente dell’associazione, ingegnere ed ex bracciante che nel 2011 ha guidato il primo sciopero dei braccianti stranieri proprio nelle campagne pugliesi: “Da bracciante agricolo ma anche studente avevo un vantaggio in più: l’istruzione. Avevo gli strumenti per dire che quello era sfruttamento. E in mille abbiamo rivendicato i nostri diritti mettendoci la faccia, prendendo coraggio”. Grazie anche a quello sciopero ora l’Italia ha una legge contro il caporalato, ma è necessario che quei diritti, che troppo spesso mancano, siano garantiti in primo luogo dalle imprese. “No Cap è un progetto che cerca di passare dalla protesta alla proposta: cerchiamo di far lavorare persone vittime di caporalato per dare loro un lavoro degno, cerchiamo di dare degli strumenti ai lavoratori: gli alloggi, per sostituire i cosiddetti ghetti, mezzi di trasporto per far viaggiare i ragazzi in sicurezza”. E poi ci sono il contratto sindacale regolare e la visita medica il giorno prima dell’inizio.

Un risultato a cui l’associazione è arrivata grazie al coinvolgimento di agricoltori, catene distributive, amministrazioni. Ma a essere chiamata in causa è anche la società civile: “Noi chiediamo che ognuno faccia la sua parte – conclude Sagnet -: il progetto riuscirà pienamente se, e soltanto se, i consumatori avranno consapevolezza di quello che sta succedendo. Fino a quando noi andremo al supermercato comprando barattoli di pomodoro a basso prezzo senza pensare che a rimetterci sono stati i lavoratori, senza pensare che il motivo di un prezzo così basso è lo sfruttamento, non ci potrà essere un vero passo in avanti. Se noi non ci facciamo queste domande, continueremo ad alimentare il sistema del caporalato, delle mafie, dello sfruttamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra, bimba apre cartolina di Natale e legge: “Siamo prigionieri stranieri in Cina, aiutateci”

next
Articolo Successivo

Treni: ‘tu vo’ fa l’americano’, ma ci freghi sull’alta velocità

next