“Mio nipote fu costretto a cercare lavoro nelle miniere di cobalto fin da piccolo, poiché la nostra famiglia non era in grado di pagare la retta scolastica di 6 dollari al mese. Lo scorso aprile stava lavorando sotto terra, in un tunnel, scavava per cercare rocce di cobalto, quando il tunnel è collassato. E lui è stato sepolto vivo. Non abbiamo nemmeno riavuto il suo corpo”. E ancora: «Ho cominciato a lavorare nelle miniere a nove anni. All’inizio di quest’anno, mentre trasportavo sacchi di cobalto per 0,75 dollari al giorno, sono caduto in un tunnel. Gli altri lavoratori mi hanno tirato fuori. E mi hanno lasciato a terra, da solo, fino a che i miei genitori hanno sentito dell’incidente e sono venuti ad aiutarmi. Ora sono paralizzato dal petto in giù e non camminerò mai più».

Sono solo due delle testimonianze contenute nella inedita class action intentata da alcune famiglie congolesi contro i colossi del digitale made in Usa. È la prima volta che accade. Come rivela il Guardian, il gruppo International Rights Advocates ha intentato causa contro Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla a nome di quattordici famiglie della Repubblica Democratica del Congo, i cui bambini sono morti o sono rimasti menomati durante il lavoro nelle miniere di cobalto. L’elenco – avvertono gli avvocati – non è esaustivo: le indagini sul campo stanno proseguendo e alle aziende accusate potrebbero aggiungersi altri nomi noti.

Le multinazionali sono accusate di favoreggiamento nella morte e nel ferimento di bambini durante il lavoro nelle miniere di cobalto che fanno parte delle loro catene di approvvigionamento. Si chiedono i danni per lavoro forzato e compensazioni per arricchimento illecito, supervisione negligente e inflizione intenzionale di sofferenza emotiva.

Il cobalto, infatti, è indispensabile per le batterie al litio presenti nei dispositivi elettronici e anche nelle auto elettriche. Non è un caso che la sua domanda sia triplicata negli ultimi cinque anni e che le previsioni siano di un ulteriore raddoppio entro il 2020. Oltre il 60% del cobalto mondiale si trova in Repubblica Democratica del Congo. E qui l’estrazione è legata ad abusi dei diritti umani, corruzione, distruzione dell’ambiente e lavoro minorile.

Secondo le accuse contenute nella documentazione prodotta da IRAdvocates, i bambini lavoravano illegalmente in miniere di proprietà della compagnia anglosvizzera Glencore, la quale vende il cobalto a Umicore, un trader basato a Bruxelles, che a sua volta vende il minerale lavorato a Apple, Google, Tesla, Microsoft e Dell. Altri testimoni parlano di miniere di proprietà di Zhejiang Huayou Cobalt, un’azienda cinese che anch’essa fornisce Apple Dell e Microsoft.

Secondo l’accusa, i colossi del digitale avevano “specifica conoscenza” che il cobalto nei propri dispositivi è frutto di lavoro minorile svolto in condizioni estreme e per questo ne sono complici. Tutte le aziende in questione avevano l’autorità e le risorse per supervisionare e regolare le loro catene di fornitura del cobalto e non l’hanno fatto. La loro inattività ha contribuito alla morte o al ferimento grave di minori. Minori pagati 2 dollari al giorno.

(immagine di repertorio: miniera d’oro in Repubblica Centrafricana)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pedofilia nella Chiesa, il nunzio in Francia Luigi Ventura si dimette: è indagato per molestie sessuali

next
Articolo Successivo

Francia, centinaia di migliaia di persone in strada contro la riforma delle pensioni: a Parigi l’originale protesta dell’Opéra

next