Come sarebbe la Terra se l’acqua degli oceani scomparisse? Il risultato lo mostra lo scienziato James O’Donoghue, che attualmente lavora per l’Agenzia spaziale giapponese (Jaxa), e che in passato ha lavorato per la Nasa. La simulazione parte da un video dell’Agenzia americana del 2008 rielaborato da O’Donoghue. I continenti, in modo graduale, cambiano fisionomia fino a diventare irriconoscibili quando si prosciugano gli oceani che hanno una profondità che dai 2000 ai 3000 metri sotto il livello del mare.

Video Youtube/James O’Donoghue

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, una storia di inerzia. Ormai la gente è pessimista sul futuro del pianeta

next
Articolo Successivo

Decarbonizzazione, ecco perché la Polonia dice no. Il premier: “La transizione energetica costa tanto e ci danneggia”

next