Quanti di voi, finito l’amplesso, guardano frenetici il cellulare? Suppongo siate in tanti.

Ai miei tempi al massimo si fumava una sigaretta, si accendeva la tv, si beveva un bicchier d’acqua per la secchezza delle fauci dovuta al sesso orale.

La sveltina era una eccezione: era il brivido tintobrassiano dentro a un portone, in un campo o per le scale deserte.

I film pornografici avevano trame, inquadrature ampie e protagonisti con le facce gaudenti. Poi con l’avvento di Internet tutto è virato di regola alla frenesia, alla fretta, alla distrazione del “sono qui ma penso all’appuntamento dal dentista o a quella email che mi ha stressato e a cui devo rispondere”.

E’ ora di dire basta, di tornare al risparmio di energie, al focus sul piacere e non ai mille pensieri che disturbano la mente e il corpo.

Se ne è accorto anche il mercato degli oggetti del piacere che in anteprima ad Hannover ha presentato cosmetici erotici e sex toys per il sesso lento, nuovo trend del 2020.

Marta Aguir e Elsa Viegas, le due giovani imprenditrici spagnole che nel 2006 hanno creato Bijoux Indiscrets, brand che si occupa di pluralità del piacere femminile, ha lanciato una linea erotica di cosmetici (vegan, gluten free, sugar free, lattosio free… insomma naturali) dedicata al percorso sensoriale ormai poco considerato. Dalla prima carezza all’ultimo gemito, una gamma di prodotti genderless per la gratificazione di tutti: si va dal gel lubrificante per la masturbazione maschile e femminile purché sia carezzevole, allo spray formato travel size che incrementa la salivazione durante il sesso orale.

Fun Fuctory, storica azienda tedesca propone Be-one, nuovo sex toy pensato soprattutto per la coppia. Nulla di fallico, sia chiaro. E’ un piccolo, ergonomico vibratore che sembra un dito bionico. Massaggia il corpo, dalla nuca ai piedi e garantisce “un tocco orgasmico”.

Chi mi legge da un po’ sa che detesto la definizione dei nuovi stimolatori da donna ovvero “succhia clitoride”. Una bella proposta viene da WeVibe che ha lanciato Melt, apparentemente un vibratore per la nostra mandorla zuccherina che in realtà è pensato per la coppia. E’ dotato di un nuovo sistema tecnologico – il Pleasure Air – che con una sorta di pressione a onde non solo assicura piacere alle donne, ma agli uomini fa l’effetto fellatio con una sensazione simile appunto al sesso orale.

E che dire del successo che stanno avendo i dildo in pietre dure e cristalli? Equilibrio, armonia, stabilità, piacere zen. Giada, ossidiana, quarzo rosa, ametista. Ognuno, durante la masturbazione trasmette energia positiva e sono prodotti ovviamente atossici, naturali, privi di ftalati.

Nell’antica Cina, dove poeticamente la vagina veniva definita “tesoro”, si usavano plug e dildo in giada: era una pietra sacra, di valore inestimabile per la sua purezza e bellezza tanto che si credeva allontanasse il deperimento fisico e l’involuzione dello spirito.

Quindi, da “lo famo strano” il trend sarà “lo famo lento”, magari spegnendo o silenziando il cellulare. Se poi siete con l’amante abbiate la delicatezza, una volta raggiunta la pioggia di stelle, di non avventarvi su quel maledetto oggetto per vedere chi vi ha cercato. Di urgente, ricordatevi, c’è solo la Croce Rossa. Parola di Bettina.

Potete seguirmi su Instagram
oppure mi trovate sul sito www.sensualcoach.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesso, dai rapporti Kinsey a Internet: com’è cambiata la vita quotidiana sotto le lenzuola

next
Articolo Successivo

Mary Rider, prima faceva la giornalista ora è una pornostar: “Pensavo solo al lavoro, ero praticamente asessuata”

next