È stata ritrovata la mamma che si era allontanata con i tre figli di 4 mesi, 6 e 8 anni. La famigliola è stata portata in ospedale per gli accertamenti ma le condizioni generali appaiono buone. La donna risultava scomparsa a Nerola, provincia di Roma al confine con quella di Rieti. Le ricerche sono scattate ad opera dei Carabinieri di Nerola e del Soccorso Alpino. Sul posto anche la Protezione civile. Per gli inquirenti un allontanamento volontario dopo una lite col marito.


Le ricerche, da parte ormai di centinaia di persone e anche con l’impiego dei cani “molecolari”, si sono concentrate attorno alle cascate Forra della Linguessa, nei monti degli Elci: un territorio impervio solcato da corsi d’acqua che hanno scavato canyon. La donna era stata vista con i bambini da un automobilista del paese che le aveva offerto un passaggio. Lei non aveva risposto all’invito, l’uomo come racconta sulla pagina Facebook della sindaca, Sabina Granieri, ha allertato i carabinieri.

I quattro erano vestiti pesanti e la donna, 38 anni, originaria di Cuneo, aveva portato via viveri a sufficienza per la cena. Non si sa ancora se faranno ritorno a casa, o se invece verrà trovata loro un’altra sistemazione. Sui contorni poco chiari di questa vicenda, il procuratore di Tivoli Francesco Menditto ha aperto un fascicolo e avviato una indagine giudiziaria. Seguendo le tracce del cellulare della donna che anche se era stato spento i soccorritori, aiutati anche dai cani molecolari, sono arrivati vicino a Poggio Corese e davanti al casotto di caccia dove i quattro avevano passato la notte, hanno trovato la mamma con i suoi figli. E hanno tirato tutti un sospiro di sollievo liberandosi dell’ansia che man mano con il passare delle ore cresceva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sardine, l’assemblea a porte chiuse dopo piazza San Giovanni: all’ingresso lo striscione “Abbasso gli sgombri”

next
Articolo Successivo

L’Alta Velocità rallenta: la tratta diretta Roma-Milano passa (senza annunci) da 2 ore e 55 a 3 ore e dieci. “Così almeno per tutto il 2020”

next