“Leggo che sono inquisito. Ma tutti i miei voli di Stato erano per motivi di Stato, da ministro del’Interno, per inaugurare caserme. Mai fatto voli di Stato per andare in vacanza, quello lo fanno altri“. Matteo Salvini, commenta così l’inchiesta della Procura di Roma riportata oggi dal Fatto Quotidiano e dal Corriere della Sera. L’ex vicepremier ed ex titolare del Viminale è stato iscritto per abuso d’ufficio dopo la trasmissione di atti da parte della Corte dei conti.

L’accusa si riferisce a 35 voli di Stato già considerati illegittimi dai giudici tributari che archiviarono il fascicolo trasmettendo però la documentazione alla procura di Roma. I giudici non riscontrarono un danno erariale. La Corte dei conti si interessò della vicenda dopo un’inchiesta di Repubblica sugli abbinamenti di molti appuntamenti istituzionali di Salvini in giro per l’Italia con comizi o altre manifestazioni di partito nella stessa zona. Trasferte eseguite a bordo di aerei in dotazione alla polizia o ai vigili del fuoco.

L’uso di quei velivoli venne ritenuto illegittimo dai giudici contabili perché i mezzi della polizia e dei pompieri sono riservati allo svolgimento di compiti istituzionali o di addestramento e non ai cosiddetti voli di Stato, per cui vige un’altra normativa. Del caso si dovrà occupare comunque il Tribunale dei ministri competente a indagare su eventuali reati commessi nell’esercizio delle funzioni ministeriali. È a questo organo che spetta il compito di acquisire documentazione e atti, per poi decidere se archiviare o procedere.

I voli di Stato sono disciplinati dal decreto legislativo n. 98 del 6 luglio 2011: all’articolo 3 viene prescritto che siano limitati al presidente della Repubblica, ai presidenti di Camera e Senato, al presidente del Consiglio e al presidente della Corte costituzionale. Le cinque massime cariche dello Stato. Il comma 2 ammette “eccezioni”, che però devono essere “specificamente autorizzate”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

CasaPound vince contro Facebook: la pagina ufficiale sarà riattivata. Il social dovrà pagare anche 15mila euro di spese legali

next
Articolo Successivo

Open, Renzi in Senato: “Se al pm affidiamo la titolarità dell’azione politica, l’Aula fa un passo indietro per pavidità”. E cita Aldo Moro

next