A poco più di due settimane dal crollo, che per fortuna non provocò vittime, l’indagine della procura di Savona per disastro colpo sul viadotto Madonna del Monte, fa il primo passo. La Guardia di finanza sta eseguendo alcune acquisizioni di documenti che riguardano la progettazione e la realizzazione oltre agli schemi di ispezioni periodiche e manutenzioni del viadotto sull’A6.

Il viadotto era parzialmente crollato il 24 novembre a causa di una grossa frana che si era staccata dalla collina e aveva falciato i piloni, facendo crollare circa 30 metri di impalcato. Le Fiamme gialle, su ordine della procura di Savona, hanno acquisito documenti negli uffici di Torino della società Autostrada dei Fiori e nelle sedi di Milano e Savona della Sina (entrambe società del gruppo Gavio).

Il provvedimento rientra nell’ambito dell’indagine delegata alla Finanza dagli inquirenti dopo il crollo. Il fascicolo d’indagine al momento è a carico di ignoti. Autostrada dei Fiori è concessionaria del tratto autostradale interessato dal crollo mentre Sina si è occupata di eseguire le ispezioni periodiche di tutti i tratti autostradali dati in concessione al Gruppo Gavio. La carte che saranno acquisite oggi verrà sottoposto a analisi in base alle indicazioni che saranno fornite dai tre consulenti tecnici d’ufficio nominati dalla procura. Gli inquirenti hanno avviato accertamenti anche sullo stato dei piloni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, truffa alla Regione sui farmaci: gruppo San Donato restituisce 10 milioni di euro. Due arresti

next
Articolo Successivo

Servizi segreti, il capo dell’Aisi Parente indagato nell’inchiesta su Montante

next