Un altro calo della produzione industriale in Italia: l’Istat stima che a ottobre la diminuzione rispetto a settembre sia stata dello 0,3%. Nella media del trimestre agosto-ottobre la produzione mostra una flessione rispetto ai tre mesi precedenti dello 0,6%. Anche il confronto rispetto a ottobre 2018 è negativo: -2,4%. Da inizio anno a ottobre l’indice ha registrato una flessione tendenziale dell’1,2 per cento. Un dato in linea con la tendenza del 2019 e con le difficoltà di tutta l’industria europea: in Germania, per esempio, a ottobre la produzione industriale è scesa del 5,3% rispetto allo stesso mese del 2018, il più grande calo dalla crisi del 2009.

“L’indice corretto per gli effetti di calendario, in flessione tendenziale per l‘ottavo mese consecutivo, registra un ulteriore peggioramento della dinamica rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”, commenta l’Istat. Che aggiunge: “A livello dei principali raggruppamenti di industria il solo settore ancora in crescita, sia su base mensile sia su base annua, è quello dei beni di consumo, trainati dalla sola componente dei beni non durevoli. Al contrario, flessioni tendenziali rilevanti caratterizzano i beni strumentali e quelli intermedi“.

Tradotto in dati: l’indice dei beni di consumo registra un +0,3% rispetto a settembre e un +0,5% nel confronto con ottobre 2018. I beni intermedi, stabili nel confronto mese su mese, segnano un -4,8% su base tendenziale. Per i beni strumentali (-0,8% rispetto a settembre) il calo anno su anno è del 3,4%. L’energia registra una variazione nulla rispetto a ottobre 2018, ma nell’ultimo mese registra un -1,9 per cento.

I settori di attività economica che registrano i maggiori incrementi anno su anno sono i prodotti farmaceutici di base e preparati (+3,6%), le industrie alimentari, bevande e tabacco (+3,0%) e le altre industrie (+2,8%). Le flessioni più ampie si registrano nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-8,6%), nelle attività estrattive (-8,1%) e nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-6,9%).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, arriva la modifica che recepisce l’intesa della maggioranza: confermato rinvio plastic tax, Robin tax al 3,5% con platea ridotta

next
Articolo Successivo

Batterie per auto elettriche, ok di Bruxelles a 3,2 miliardi di aiuti di Stato: in testa Germania e Francia, l’Italia ci mette 570 milioni

next