“La storia del Tav ci racconta come Salvini è stato utilizzato dal partito degli affari per proteggere gli interessi della banda del buco dopo l’elezioni del 4 marzo 2018, è stato usato come corpo contundente contro il Movimento 5 Stelle che volevano fermare questa opera demenziale”. Lo ha detto il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, a margine della presentazione del libro Perché No Tav alla ‘Nuvola’ di Roma dove si sta svolgendo la rassegna ‘Più libri più liberi in corso‘. “Se la gente continua a non capire che il partito degli affari non guarda né a destra né a sinistra ma solo al suo portafoglio e che la grande stampa è il suo megafono, vuol dire che siamo non solo siamo un popolo che si fa prendersi in giro, ma che ama farsi prendere in giro. Il Tav non si farà mai – conclude Travaglio- l’importante di tutta questa operazione era far partire i bandi di gara così i grandi gruppi avranno una carta in mano per rivalersi contro lo Stato, esattamente com’è successo per il ‘ponte sullo Stretto‘. Realizzare l’opera non interessa a nessuno”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondo salva Stati, Gualtieri: “Da Salvini e Borghi campagna terroristica per spaventare dicendo che saranno tolti i soldi dai conti”

next
Articolo Successivo

Lombardi (M5s): “Mi aspetto che Governo difenda la manovra e dica ‘io tasso le cose che fanno male’. Leadership? Sia partecipativa”

next