Riutilizzare la stessa password per accedere a più servizi diversi, purtroppo, è una pratica assai diffusa, come certifica ad esempio anche uno studio del 2018 condotto su 30 milioni di utenti. Questo dato è stato ora nuovamente confermato anche dal Microsoft identity threat research team. Quest’ultimo infatti nei primi tre mesi del 2019 ha verificato oltre 3 miliardi di credenziali ottenute da diverse violazioni (da più fonti, incluse le forze dell’ordine e i database pubblici) al fine di verificare la presenza di eventuali credenziali compromesse nei sistemi Microsoft. Il risultato è che 44 milioni di utenti utilizzano la stessa password per accedere a più servizi, nello specifico sia ai Microsoft Services che al cloud aziendale Azure.

Un dato in linea con quello dell’altra ricerca, secondo cui il 52% degli utenti riutilizzerebbe la stessa password o una sua semplice variante, che tra l’altro nel 30% dei casi può essere identificata facilmente, con un massimo di 10 tentativi.

‎Data l’elevata frequenza con cui le password sono riutilizzate da più utenti, è fondamentale secondo Microsoft rafforzare le procedure di log-in con l’abbinamento all’utilizzo di una qualche forma di credenziale forte, come ad esempio quelle biometriche (impronte digitali, scansione dell’iride, del volto etc.). “L’Autenticazione a più fattori (aMF) è un importante meccanismo in grado di migliorare notevolmente la sicurezza”, si legge nel breve comunicato Microsoft. “I nostri numeri mostrano che il 99,9% degli attacchi di identità sono stati vanificati attivando l’aMF”.

Al di là del suggerimento tecnico di Microsoft, il nostro è di buon senso: evitate di utilizzare sequenze numeriche o alfabetiche scontate (123456 oppure abcdefg) o che facciano riferimento a dati facilmente reperibili (la vostra data di nascita o quella dei vostri cari, nomi di famiglia o personali etc.) e soprattutto utilizzate sempre un password manager come ad esempio LastPass o altri. Ci rendiamo conto infatti che ricordare password con sequenze alfanumeriche astratte per i tanti servizi che utilizziamo quotidianamente è impossibile , per questo esistono anche semplici plug-in gratuiti per il vostro browser‎‎ che si occuperanno di tenere al sicuro tutte le vostre credenziali senza chiedervi di ricordarle a memoria o segnarle su foglietti volanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monitoraggio vigne a 700 km di distanza grazie a un Wi-Fi speciale nato al Politecnico di Torino

next
Articolo Successivo

HMD Global, il 2020 inizia con il Nokia 2.3 in attesa del lancio di smartphone 5G più economici

next