HMD Global, l’azienda finlandese che produce telefonini e smartphone a marchio Nokia, festeggia in questi giorni i tre anni di attività, presentando alla stampa italiana i suoi prodotti più recenti. Ai microfoni del Fatto.it, Alberto Matrone di HMD Global racconta che l’azienda, grazie alla certificazione Android Enterprise Recommended di quasi tutti i suoi dispositivi, sta avendo buoni riscontri oltre che dal pubblico anche dalle aziende in cerca di smartphone per i propri dipendenti alle quali HMD può offrire soluzioni in varie fasce di prezzo.

Ultimo arrivato nella famiglia di smartphone HMD è il Nokia 2.3, un dispositivo di fascia bassa con un display da 6,2″ HD+ con rapporto di forma 19:9, CPU QuadCore da 2GHz, 2GB di RAM, 32GB di memoria, doppia fotocamera posteriore (13MP+2MP) e una batteria da 4000mAh. Il suo arrivo sul mercato è previsto per metà gennaio 2020, in tre colorazioni, con un prezzo a partire da 129€.

Per il 2020 tra i progetti di HMD Global, che Alberto Matrone ha potuto anticipare al fattoquotidiano.it, c’è quello di portare sul mercato dispositivi compatibili con le reti 5G in fasce di prezzo meno costose rispetto a quelle dei principali concorrenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Microsoft, 44 milioni di utenti riciclano la password per più servizi, mettendo la sicurezza a rischio

next
Articolo Successivo

Google Maps, novità per la “Cronologia delle posizioni” e modalità in incognito su iPhone

next