Una sorta di ‘precettazione’ che vieterebbe “di fatto” ai lavoratori dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto la possibilità di partecipare allo sciopero che inizierà lunedì 9 alle 23 e terminerà alle 7 di mercoledì. È quanto denunciano Fiom, Uilm e Fim spiegando che la multinazionale ha “operato unilaterlamente predisponendo 4 turni di comandate allargate”, sostanzialmente l’equivalente della precettazione nel pubblico.

A seguito della mossa di ArcelorMittal, i metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato 32 ore di sciopero in modo da consentire così la partecipazione di tutti i lavoratori alla manifestazione nazionale a Roma prevista per il 10 dicembre, indetta dopo la presentazione del piano industriale 2020-24 con la previsione di 4.700 esuberi nei prossimi tre anni. E i rappresentanti delle tute blu ricordano di non aver sottoscritto “nessun accordo sulle comandate allargate” e “hanno diffidato ArcelorMittal affinché le stesse non siano applicate ai lavoratori”.

Inoltre, segnalano, l’azienda risulta inadempiente sul versante della sicurezza della salvaguardia ambientale e impiantistica dello stabilimento per il “numero di carri siluri inferiore rispetto al numero necessario a garantire quanto sopra riportato, mancanza della macchina a colare necessaria alla granulazione della ghisa in presenza di fermo acciaieria”. E che esiste un’ordinanza sindacale che “vietava l’utilizzo della stessa macchina di granulazione e che a tutt’oggi non vi è stato nessun intervento di ripristino”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siamo un Paese di commentatori. Invece a volte dovremmo proprio dire un dignitoso ‘non lo so’

next
Articolo Successivo

Sciopero aerei, venerdì 13 dicembre Alitalia cancella 315 voli: ripercussioni anche nelle giornate di giovedì e sabato

next