“Provo profonda vergogna di fronte ai crimini barbari che sono stati commessi qui dai tedeschi. Crimini che vanno oltre ogni immaginazione”. Sono le parole di Angela Merkel durante la prima visita ad Auschwitz da cancelliera. Prima di lei, l’ultimo a visitare il campo di concentramento era stato Helmut Kohl nel 1995. Con la sua presenza, Merkel ha voluto dare un segnale contro l’antisemitismo, la xenofobia e il revisionismo storico. “Queste ferite non guariscono mai. Una ragione in più per ringraziare tutti coloro che riescono a parlarne. Mi inchino di fronte a ciascuna di queste persone, mi inchino di fronte alle vittime della Shoah e alle loro famiglie“, ha concluso la cancelliera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Florida, sparatoria in base della Marina: 3 morti, 11 feriti. Killer ucciso dalla polizia era un militare saudita

next
Articolo Successivo

Germania, il nuovo corso di Spd: a sinistra, ma non troppo. Schulz: ‘Basta austerity in Europa’

next