“Provo profonda vergogna di fronte ai crimini barbari che sono stati commessi qui dai tedeschi. Crimini che vanno oltre ogni immaginazione”. Sono le parole di Angela Merkel durante la prima visita ad Auschwitz da cancelliera. Prima di lei, l’ultimo a visitare il campo di concentramento era stato Helmut Kohl nel 1995. Con la sua presenza, Merkel ha voluto dare un segnale contro l’antisemitismo, la xenofobia e il revisionismo storico. “Queste ferite non guariscono mai. Una ragione in più per ringraziare tutti coloro che riescono a parlarne. Mi inchino di fronte a ciascuna di queste persone, mi inchino di fronte alle vittime della Shoah e alle loro famiglie“, ha concluso la cancelliera.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Florida, sparatoria in base della Marina: 3 morti, 11 feriti. Killer ucciso dalla polizia era un militare saudita

next
Articolo Successivo

Germania, il nuovo corso di Spd: a sinistra, ma non troppo. Schulz: ‘Basta austerity in Europa’

next