Che ansia l’attesa del pacco quando si ordina qualcosa online. Il desiderio esigerebbe la soddisfazione immediata e allora per limitare l’impazienza spesso controlliamo il tracciamento della spedizione, per sapere dov’è, quando arriva, quanto manca. Ecco, presto tutto questo potremo farlo molto più facilmente e comodamente direttamente dal motore di ricerca di Google. Il colosso di Mountain View ha infatti annunciato l’avvio del Package Tracking Early Access Program, una fase di test in cui le aziende di trasporti possono mostrare lo stato della spedizione all’utente direttamente da Google Search, utilizzando il codice della stessa.

In realtà qualcosa di smile Google lo offre già ora, in quanto inserendo il nostro numero di spedizione nel motore di ricerca quest’ultimo è in grado di indirizzarci alla pagina della specifica azienda di trasporti, dove poi effettueremo il controllo vero e proprio, ma ovviamente la nuova funzione sarebbe assai più comoda ed eliminerebbe diversi passaggi intermedi.

Trattandosi di un servizio ancora in fase di sviluppo non ha ancora un’interfaccia definita, tuttavia Google ha mostrato un mockup per illustrarne il funzionamento, che appare piuttosto semplice. In effetti basta inserire nome dello spedizioniere e numero della spedizione per visualizzare una scheda in cui spicca il pulsante per il tracciamento. Premendolo visualizzeremo la tipica timeline con luogo di partenza e d’arrivo, passaggi intermedi, situazione attuale e data di consegna prevista.

La soluzione di Google offre un’esperienza d’uso unificata che potrebbe piacere molto all’utente, non più costretto a comprendere ogni volta i meccanismi delle pagine delle singole aziende, ma forse potrebbe piacere meno proprio a queste ultime, timorose di perdere visite sulle proprie homepage. Il programma di test comunque è già attivo in tutto il mondo e consente a tutte le aziende di partecipare e fornire feedback sul funzionamento. Al momento Google non ha comunicato però alcuna data precisa per la disponibilità del servizio al pubblico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung Q60R, smart TV QLED 4K da 49 pollici a metà prezzo su Amazon

next
Articolo Successivo

L’FBI lancia l’allarme: attenzione alle Smart TV, possono essere impiegate per spiarci

next