La partita Ilva è nelle mani di Francesco Caio. Sarà il dirigente di Saipem a gestire il negoziato con ArcelorMittal per rimodulare il piano industriale della multinazionale affittuaria del siderurgico di Taranto. Il manager sarà il consulente del governo nella trattativa che dovrà portare a un accordo per evitare un contenzioso nelle aule di Tribunale.

L’indiscrezione è stata confermata dal ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, che ha descritto Caio come un dirigente di “comprovato valore” che ha “la capacità di trattare nel pieno interesse dello Stato” e questo “potrebbe essere utile al Paese”.

L’annuncio arriva alla vigilia dell’incontro al Mise con i sindacati, convocati nella giornata di lunedì per un faccia a faccia con l’azienda e i commissari straordinari. “Ai sindacati illustreremo, insieme all’azienda, l’attuale situazione, stiamo cercando di capire se c’è una soluzione di continuità produttiva, che però – spiega Patuanelli a Radio24 – non può restare ancorata alle modalità produttive di prima”. Una frase che risuona come un nuovo richiamo alla volontà del governo di spingere verso la decarbonizzazione, almeno parziale, dell’acciaieria.

“Non siamo disponibili a firmare accordi che prevedano dei licenziamenti”, è l’avviso della segretaria generale della Fiom-Cgil, Francesca Re David. “È bene – aggiunge – che governo e azienda conoscano subito la nostra posizione. Noi non siamo dei notai che arrivano alla fine e firmano cose decise da altri. Comunque domani andremo al tavolo e ci aspettiamo di capire qual è il quadro della situazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia, verso decreto per sbloccare subito il prestito da 400 milioni. E spunta una nuova gara per venderla entro maggio 2020

next
Articolo Successivo

Pos, quanto costano agli esercenti le commissioni sui pagamenti. Con le banche più grandi circa 1 euro ogni 50 ricevuti

next