“Ho proposto io la lotteria degli scontrini due o tre anni fa, è un modo che costa poco e spinge le persone a chiederli. Ma dare incentivi a chi usa moneta elettronica è una follia, costa tre miliardi, sono tanti”. Così l’ex ministro Vincenzo Visco a margine del convegno “Ridefinire il sistema fiscale italiano” organizzato a Milano dall’Università Cattolica di Milano, commenta la scelta del governo di inserire la misura nel Dl fisco a partire dal prossimo luglio. Ad appoggiare la misura anche Maria Cecilia Guerra, sottosegretario al Mef, che la definisce “uno strumento importante per incentivare l’emissione degli scontrini”.

Sull’articolo del Dl Fisco riguardante il “carcere agli evasori”, che ha scatenato le ire di Confindustria, Visco è invece positivo: “È un bene, ma la misura non basta per combattere l’evasione di massa in un sistema come il nostro, dobbiamo usare meglio le nuove tecnologie”. Concorde anche la Guerra che risponde direttamente alla Confederazione degli industriali: “Penso che Confindustria sia preoccupata di sequestri preventivi, ma nel nostro ordinamento abbiamo tutti gli strumenti per evitare che questo succeda”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Pd non deve vergognarsi dei valori del passato. E forse le sardine possono dargli una scossa

prev
Articolo Successivo

Ue, scontro Gümpel-Fusaro su La7. “Sono sbalordito dalla sua assoluta ignoranza”. “Vedo un teutonico senso per le barzellette”

next