Piazza della Repubblica piena fino a Piazza Duomo, le Sardine riempiono il cuore di Firenze con manifesti colorati e musica. Tutto a tema sardina, copricapi, disegni, cappelli e cartelloni, alcuni rimandano alla Costituzione e a Dante Alighieri. All’inizio della manifestazione, alle 18.30 la piazza era già piena di persone prima dell’intervento di Mattia Santori e degli altri organizzatori della manifestazione. Secondo l’organizzazione c’erano 40 mila persone.

“Non vedevo l’ora che le sardine venissero a Firenze”, dichiara Barbara, manifestante. “Firenze ha una storia di valori di pace e tolleranza, in accordo con questo movimento”, racconta Beatrice che è venuta in piazza con sua figlia che ha disegnato il cartellone con le sardine. “Questa piazza mi fa sentire meno solo, siamo in tanti a volere dei valori diversi, a non volere più i discorsi d’odio”, conclude Antonio, un altro manifestante.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, nuovo scontro tra Pd e M5s. Domenica possibile vertice di governo. Conte: “Lunedì spazzerò via chiacchiere”

next
Articolo Successivo

Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: è la quinta volta che si vota. E il sindaco invita a non presentarsi alle urne

next