Piazza della Repubblica piena fino a Piazza Duomo, le Sardine riempiono il cuore di Firenze con manifesti colorati e musica. Tutto a tema sardina, copricapi, disegni, cappelli e cartelloni, alcuni rimandano alla Costituzione e a Dante Alighieri. All’inizio della manifestazione, alle 18.30 la piazza era già piena di persone prima dell’intervento di Mattia Santori e degli altri organizzatori della manifestazione. Secondo l’organizzazione c’erano 40 mila persone.

“Non vedevo l’ora che le sardine venissero a Firenze”, dichiara Barbara, manifestante. “Firenze ha una storia di valori di pace e tolleranza, in accordo con questo movimento”, racconta Beatrice che è venuta in piazza con sua figlia che ha disegnato il cartellone con le sardine. “Questa piazza mi fa sentire meno solo, siamo in tanti a volere dei valori diversi, a non volere più i discorsi d’odio”, conclude Antonio, un altro manifestante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, nuovo scontro tra Pd e M5s. Domenica possibile vertice di governo. Conte: “Lunedì spazzerò via chiacchiere”

prev
Articolo Successivo

Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: è la quinta volta che si vota. E il sindaco invita a non presentarsi alle urne

next