Un bimbo di 19 mesi è arrivato nella sera di sabato 30 novembre in gravi condizioni in ospedale a Roma per una intossicazione da hashish. A dare l’allarme un medico del San Camillo. Il piccolo aveva difficoltà respiratorie. Gli agenti del commissariato Colombo hanno effettuato una perquisizione nell’abitazione in cui il bimbo abita con i genitori e i due zii materni che occupano il piano superiore. I due zii, uno dei quali già ai domiciliari, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio. In casa la polizia ha infatti trovato circa 200 grammi di cocaina e un bilancino di precisione. I genitori sono stati invece denunciati e la loro posizione è ora al vaglio. Si tratta di un 39enne e una 25enne, entrambi romani.

Tutto è iniziato ieri mattina quando la venticinquenne si è accorta che il figlio non stava bene e aveva difficoltà a respirare. Così lo ha accompagnato all’ospedale San Camillo dov’è arrivato in gravissime condizioni. I medici hanno fatto tutto il possibile per salvarlo e lo hanno sottoposto ad alcune analisi da cui, qualche ora dopo, sarebbe emersa l’intossicazione da hashish. Il bambino è stato poi trasferito nella serata di ieri al policlinico Gemelli, dov’è attualmente ricoverato in terapia intensiva pediatrica. La prognosi è riservata, ma le sue condizioni sono in miglioramento. E sulla vicenda sono ora in corso indagini per ricostruire con esattezza cosa è accaduto ieri mattina in casa. Tra le ipotesi che il bambino, in un attimo di distrazione, possa aver ingerito un pezzo di hashish mentre si trovava nell’appartamento degli zii.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, 10 mila persone evacuate dal centro per il disinnesco di una bomba della seconda guerra mondiale

prev
Articolo Successivo

Maltempo, agricoltori isolati nell’Alessandrino: “Tra frane e strade chiuse viviamo sempre in allerta”. E il dissesto mette a rischio il lavoro

next