Il mercato del lavoro resta sull’altalena. A ottobre gli occupati, secondo gli ultimi dati dell’Istat, risultano in crescita di 46mila unità (+0,2%) rispetto a settembre e di 217mila unità su base annua (+0,9%). Nello stesso mese però aumentano di 25mila unità gli inattivi, cioè quelli che dichiarano di non avere un lavoro e di non cercarlo. Il tasso di occupazione sale al 59,2% tornando al livello massimo registrato quattro mesi prima, con un aumento rispetto a settembre “dovuto in particolare alla crescita dei lavoratori indipendenti” (+38mila) dopo mesi di calo. “Sostanzialmente stabili” i dipendenti permanenti, mentre aumentano di 6mila quelli a termine. L’occupazione mensile è in incremento per entrambe le componenti di genere, cresce tra gli over 35 (+49mila) mentre cala lievemente tra i 25-34enni ed è stabile tra gli under 25. Gli under 24 disoccupati diminuiscono di 16mila unità ma non è una buona notizia perché tutti e 16mila passano tra gli inattivi.

Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni a ottobre aumentano su base mensile (+0,2%, pari a +25mila unità), con una crescita della componente maschile e una diminuzione di quella femminile. Su base annua si riducono di 49mila unità (-0,4%). Il tasso di inattività è del 34,3%.

Il tasso di disoccupazione a ottobre scende al 9,7%, con un calo di 0,2 punti percentuali. L’Istat stima che le persone in cerca di occupazione sono in diminuzione dell’1,7%, pari a -44mila unità nell’ultimo mese. Nei dodici mesi, i disoccupati sono 269mila in meno (-9,7%). L’andamento congiunturale della disoccupazione è sintesi di un marcato calo per gli uomini (-3,9%, pari a -52 mila unità) e di un lieve aumento tra la donne (+0,7%, pari a +8mila unità), e coinvolge tutte le classi d’età tranne gli ultracinquantenni.

Su base annua l’occupazione risulta in crescita sia per le donne sia per gli uomini e per tutte le classi d’età tranne i 35-49enni. Al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. La crescita nell’anno è trainata dai dipendenti (+231mila unità nel complesso) e in particolare dai permanenti (+181mila), mentre calano di 15mila gli indipendenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bosch, il gruppo annuncia 620 esuberi nello stabilimento di Bari: sciopero degli operai. Il governo chiede confronto coi vertici europei

next
Articolo Successivo

Berloni, l’azienda pesarese di cucine messa in liquidazione dopo la ‘ristrutturazione’ degli asiatici: 85 dipendenti rischiano il posto

next