Intemerata torrenziale del deputato di Italia Viva, Luciano Nobili, a difesa del leader del suo partito, Matteo Renzi, sulla vicenda della fondazione Open e del prestito ricevuto per la caparra della sua casa fiorentina dalla madre di Riccardo Maestrelli, imprenditore e uno dei finanziatori della fondazione renziana.
Ospite de “L’aria che tira”, su La7, il parlamentare si adira per un lapsus del giornalista dell’Espresso, Emiliano Fittipaldi, che immediatamente si corregge e chiede scusa. “Hai detto che Renzi si è fatto finanziare il mutuo? – tuona Nobili – Ricominciamo con le bugie? Diciamolo tutti insieme: è una vergognosa bugia! Fittipaldi ha detto una bugia in diretta. Chiediamo scusa?“.

Nobli interrompe più volte la trasmissione, scatenando il rimbrotto del conduttore, Francesco Magnani. Ma il renziano è irrefrenabile: “Chi risarcisce Matteo Renzi? Questa è l’esperienza politica più trasparente e pulita della storia della Repubblica italiana! Chi risarcisce Matteo Renzi delle menzogne che anche adesso sono state ripetute? Ma capite che stiamo subendo un’aggressione inaccettabile? Fate populismo informativo, a scapito di una esperienza politica che evidentemente è scomoda! Avete fatto dieci grafiche. Neanche per ricostruire i movimenti di denaro di Al Capone si fa una roba del genere“.

Magnani dà invano la linea al direttore responsabile di Libero, Pietro Senaldi, che è in collegamento. Ma il dibattito è monopolizzato da Nobili, nonostante gli sforzi di Magnani di sedare la polemica. E Senaldi, alla fine, dopo aver richiamato l’attenzione sollevando il dito e gesticolando nervosamente, sbotta con il deputato renziano: “Basta! Ma scusi, mi lasci parlare!“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilia Romagna, Bonaccini su La7: “Posizione M5s? Regalo a Salvini. Non fanno una scelta, ma io sono sempre disponibile”

next
Articolo Successivo

Renzi, scontro Meli-Fittipaldi su La7. “Qui le Procure possono ucciderti, non esiste Stato di diritto. E tutti tacciono”. “È il contrario”

next