Intemerata torrenziale del deputato di Italia Viva, Luciano Nobili, a difesa del leader del suo partito, Matteo Renzi, sulla vicenda della fondazione Open e del prestito ricevuto per la caparra della sua casa fiorentina dalla madre di Riccardo Maestrelli, imprenditore e uno dei finanziatori della fondazione renziana.
Ospite de “L’aria che tira”, su La7, il parlamentare si adira per un lapsus del giornalista dell’Espresso, Emiliano Fittipaldi, che immediatamente si corregge e chiede scusa. “Hai detto che Renzi si è fatto finanziare il mutuo? – tuona Nobili – Ricominciamo con le bugie? Diciamolo tutti insieme: è una vergognosa bugia! Fittipaldi ha detto una bugia in diretta. Chiediamo scusa?“.

Nobli interrompe più volte la trasmissione, scatenando il rimbrotto del conduttore, Francesco Magnani. Ma il renziano è irrefrenabile: “Chi risarcisce Matteo Renzi? Questa è l’esperienza politica più trasparente e pulita della storia della Repubblica italiana! Chi risarcisce Matteo Renzi delle menzogne che anche adesso sono state ripetute? Ma capite che stiamo subendo un’aggressione inaccettabile? Fate populismo informativo, a scapito di una esperienza politica che evidentemente è scomoda! Avete fatto dieci grafiche. Neanche per ricostruire i movimenti di denaro di Al Capone si fa una roba del genere“.

Magnani dà invano la linea al direttore responsabile di Libero, Pietro Senaldi, che è in collegamento. Ma il dibattito è monopolizzato da Nobili, nonostante gli sforzi di Magnani di sedare la polemica. E Senaldi, alla fine, dopo aver richiamato l’attenzione sollevando il dito e gesticolando nervosamente, sbotta con il deputato renziano: “Basta! Ma scusi, mi lasci parlare!“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emilia Romagna, Bonaccini su La7: “Posizione M5s? Regalo a Salvini. Non fanno una scelta, ma io sono sempre disponibile”

next
Articolo Successivo

Renzi, scontro Meli-Fittipaldi su La7. “Qui le Procure possono ucciderti, non esiste Stato di diritto. E tutti tacciono”. “È il contrario”

next