“Abbiamo documentazione, messaggi, chat, scambiati con Giuseppe Conte, con il Mef, con Giovanni Tria, che possono essere messi a disposizione del popolo italiano”. Così Matteo Salvini, parlando in conferenza stampa alla Camera, sul tema del fondo salva-Stati e della relativa riforma. “Ci rassicuravano di non aver preso alcun impegno, se scoprissimo che impegno lo hanno preso, allora la cosa cambia, io qualche messaggio lo posso pure girare. Noi scrivevamo: ‘Non firmiamo un c…p“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, Salvini: “Mattarella è garante della Costituzione, la faccia valere”. Conte riferirà alla Camera il 2 dicembre

next
Articolo Successivo

La Cina supera il numero di ambasciate Usa. Il futuro è suo (e Hong Kong non c’entra)

next