Aveva chiamato il 113 intorno alle 22, segnalando che sua moglie, di origini brasiliane, si era allontanata portando via i loro due figli. Ma la donna era andata a prendere alcune taniche di benzina che, una volta tornata a casa, ha usato per far esplodere la l’appartamento uccidendo così il marito. È successo la sera del 25 novembre, intorno alle 22.30, in una palazzina del quartiere di Campomoro, a Rieti.

La vittima è Valerio Amadio, commesso di 44 anni in supermercato del luogo. La moglie, invece, è ricoverata in stato di fermo al Sant’Eugenio di Roma in gravissime condizioni a causa delle ustioni riportate su tutto il corpo. I due figli della coppia si sono salvati perché fortunatamente non erano in casa. Secondo le prime informazioni di vigili del fuoco, polizia, carabinieri e personale del 118, accorsi sul luogo, l’esplosione sembrava essere stata causata da una fuga di gas fuoruscita da una bombola da cucina. Ma nel giro di poche ore è emersa la verità: dopo una violenta lite, la donna ha cosparso il marito di benzina e gli ha dato fuoco provocando l’esplosione del loro appartamento.

Sarebbero state proprio le urla dell’uomo a richiamare l’attenzione dei vicini, che a loro volta hanno chiamato i soccorsi e le forze dell’ordine. Le fiamme hanno ucciso l’uomo e hanno investito la donna che ora lotta tra la vita e la morte nel Centro grandi ustionati all’ospedale Sant’Eugenio di Roma dove è stata subito trasferita. Si trovano invece ricoverati all’ospedale De Lellis di Rieti, sotto shock, i due figli della coppia, di 7 e 15 anni, si sono salvati perché durante la lite si erano allontanati e al momento dell’incendio si trovavano all’esterno dell’abitazione. Nei momenti successivi all’esplosione tutti gli inquilini in preda al panico sono scesi in strada e alcune palazzine sono state evacuate. La donna risulta indagata per omicidio.

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l’archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Luca Sacchi, i dubbi del padre sulla fidanzata e l’amico: “Anastasia e Princi? Dai loro comportamenti nascondono qualcosa”

next
Articolo Successivo

Femminicidio a Palermo, l’autopsia conferma: “Ana era incinta di quattro mesi: uccisa con 10 coltellate”

next