“Compriamo solo in librerie indipendenti, per sostenere questi importanti presidi culturali”, dichiarano nel contesto di BookCity Filippo Del Corno e Stefano Parise, rispettivamente Assessore alla Cultura e Responsabile Biblioteche del Comune di Milano. Tra i partecipanti all’annuale kermesse dedicata ai libri, molti lettori abituali riconoscono: “Comprare online o scaricare ebook ormai è un’abitudine, è più comodo ed economico”. Ma c’è chi resiste: “Preferisco fare acquisti in libreria, anche a costo di pagare un po’ di più, è triste vederle chiudere una a una”. E chi vede un punto di equilibrio: “Anche le librerie indipendenti possono ingegnarsi vendendo online e usando bene le applicazioni digitali”. Ma il vero problema, sottolinea qualcuno, “rimane la scarsità di lettori: in un paese che legge così poco non sorprende che le librerie chiudano”. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Da manager della moda a imprenditrice agricola: la mia seconda vita sono uva, olive e lavanda a chilometro zero”

next
Articolo Successivo

Non lavoro e sono un genio: Milano senza di me non avrebbe senso

next