“Compriamo solo in librerie indipendenti, per sostenere questi importanti presidi culturali”, dichiarano nel contesto di BookCity Filippo Del Corno e Stefano Parise, rispettivamente Assessore alla Cultura e Responsabile Biblioteche del Comune di Milano. Tra i partecipanti all’annuale kermesse dedicata ai libri, molti lettori abituali riconoscono: “Comprare online o scaricare ebook ormai è un’abitudine, è più comodo ed economico”. Ma c’è chi resiste: “Preferisco fare acquisti in libreria, anche a costo di pagare un po’ di più, è triste vederle chiudere una a una”. E chi vede un punto di equilibrio: “Anche le librerie indipendenti possono ingegnarsi vendendo online e usando bene le applicazioni digitali”. Ma il vero problema, sottolinea qualcuno, “rimane la scarsità di lettori: in un paese che legge così poco non sorprende che le librerie chiudano”. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Da manager della moda a imprenditrice agricola: la mia seconda vita sono uva, olive e lavanda a chilometro zero”

prev
Articolo Successivo

Non lavoro e sono un genio: Milano senza di me non avrebbe senso

next