Era ora“. Si potrebbe riassumere così il commento prevalente, tra i cittadini che abbiamo interpellato in strada, sulla prima apertura della Chiesa cattolica ai preti sposati. “Non avrei alcun problema a sentir messa da un prete che ha moglie e figli”, assicurano in tanti. “Può essere una novità positiva, per prevenire scandali legati alla repressione sessuale”, spiegano altri. “Per far fronte alla crisi delle vocazioni, si dovrebbe aprire anche al sacerdozio femminile”, aggiunge qualcuno. Ma si trova anche chi dissente: “Lascerei la regola del celibato: chi fa il prete sceglie di sposare Cristo e di servire la comunità” .

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Non possiamo concepire i vivi senza i morti. Ed è questo ad animare Cristina Cary

next
Articolo Successivo

Italia, le città dove si vive meglio sono al Nord: Trento in testa, Agrigento ultima. La prima città del Sud è 69esima

next