Dovranno fare sette anni e mezzo di carcere ciascuno. Un mese dopo la condanna per lo stupro di una ragazza 23enne avvenuto il 26 febbraio 2017 in una discoteca di Soho, a Londra, il giudice della Isleworth Crown Court ha reso nota la durata del periodo di detenzione – come avviene nel Common Law anglosassone – per i due giovani italiani Ferdinando Orlando e Lorenzo Costanzo.

Secondo l’accusa, i due ragazzi – che oggi hanno 25 e 26 anni – hanno violentato la ragazza, ubriaca, all’interno di uno stanzino del night club di Londra, dove si erano trasferiti per frequentare l’università, prima di abbandonarla incosciente in un bagno del locale. La 23enne si è poi risvegliata dolorante e si è rivolta alla polizia. Durante il processo, nel quale i due italiani si sono difesi dichiarando di aver avuto un rapporto consenziente, è stato proiettato il video delle telecamere a circuito chiuso: appena dopo l’abuso, si vedono i due giovani ridere, congratularsi a vicenda e darsi il cinque. Nelle ore successive alla violenza Ferdinando Orlando e Lorenzo Costanzo sono rientrati in Italia. Le manette per loro sono scattate un anno dopo, nel marzo 2018 all’aeroporto di Heathrow, quando i due stavano facendo ritorno nel Regno Unito per assistere a una partita di calcio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, i pm di Milano ai giudici: “L’abolizione dello scudo è una scusa. Vera causa del recesso sono difficoltà industriali di ArcelorMittal”

next
Articolo Successivo

G8 Genova, i 26 agenti non devono risarcire lo Stato. Corte dei Conti: “La condanna della Cedu all’Italia è per mancanza reato tortura”

next