A Roma spariscono i nomi di due strade e un largo, prima intitolate a firmatari del ‘Manifesto della razza’. Al posto di Arturo Donaggio e Edoardo Zavattari, i nuovi intestatari sono tre scienziati che si opposero e furono a loro volta vittime di discriminazioni razziali durante il fascismo: il medico Mario Carrara, la fisica Nella Mortara e alla zoologa Enrica Calabresi. A presentare le nuove targhe la sindaca Virginia Raggi insieme alla presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche (Ucei) Noemi Di Segni. “È una data storica per tutta l’Italia. Il nome di queste strade è stato cambiato grazie all’aiuto degli studenti che hanno individuato tre scienziati che si rifiutarono di sottoscrivere il documentoe furono perseguitati per questa scelta coraggiosa”, ha detto Raggi. A cui è arrivato il plauso anche del presidente della Camera, Roberto Fico, che, in un messaggio alla prima cittadina, ha parlato di un “atto di verità e giustizia. Non possiamo mai abbassare la guardia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, Conte: “Conti correnti pignorati? False notizie, sistema di riscossioni locali equiparato a quello nazionale”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, i sensori dell’impianto di monitoraggio non funzionavano dal 2015. “Tranciati durante i lavori e mai sostituiti”

next