“Ho chiamato Mittal, certo. Non posso dire cosa ci siamo detti. Quello che posso dire è che Mittal deve chiarire la sua posizione. Ossia, se viene rimesso lo scudo penale, è disponibile a sedersi e a discutere o no?”. Così Carlo Calenda ai cronisti a margine della presentazione del suo movimento Azione. “Allo stesso tempo dico a Conte, siete davvero disponibili a rimettere lo scudo? Perché senza scudo penale Ilva si può solo chiudere, non c’è alternativa. Se posso consigliare il governo, vada al tavolo con Mittal con un decreto sullo scudo penale fatto, avrebbe molta più forza negoziale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Azione, Carlo Calenda presenta il suo partito: “Se sarà un partitino avrà fallito l’obiettivo e si scioglierà senza partecipare alle elezioni”

prev
Articolo Successivo

Calenda presenta il suo nuovo movimento “Azione”: “Non è un’operazione personale, ma di mobilitazione”

next