È “il momento di chiederci se questa grande mobilitazione di crescita e rigenerazione sia compatibile con le attività elettorali”. Per questo il Movimento Cinque Stelle ha deciso di far scegliere agli iscritti se partecipare o meno alle elezioni in Emilia Romagna e in Calabria. La comunicazione è arrivato in un lungo post sul Blog delle Stelle, spiegando che la votazione sarà aperta giovedì alle 12 e si chiuderà alle 20. Dietro la decisione di far esprimere chi è registrato a Rousseau c’è un secondo annuncio: quello degli Stati Generali del M5s a marzo 2020:”Ci siamo confrontati – si spiega – Abbiamo consultato le persone che portano dalla prima ora sulle spalle questo Movimento, e tutti concordano che serva un momento di riflessione, di standby. Ma decidiamo insieme”. “Dobbiamo dedicarci al massimo a questo progetto”, si legge ancora nel post.

Quindi spetta agli iscritti l’ultima parola spetta sulla ‘compatibilità’ tra campagna elettorale e la “mobilitazione” in vista dell’appuntamento di marzo.”Partecipare alle elezioni richiede uno sforzo organizzativo, anche nazionale, e di concentrazione altissimo. Ciascuno di noi deve interrogarsi, con la massima responsabilità, sul contributo che sente di dare nei prossimi mesi, su dove sente più giusto che i suoi portavoce dirigano il proprio impegno”, si legge nell’annuncio. “Deve chiedersi se pensa se siamo capaci, tutti insieme, in un grande lavoro – continua il Blog delle Stelle – di rete di condivisione e divisione degli incarichi, di essere utilmente presenti su diversi fronti”. “Qualsiasi cosa sceglieremo, la affronteremo come sempre con tutta la dedizione di cui siamo capaci. A noi la scelta”, aggiunge il Blog delle Stelle.

In vista dell’appuntamento di marzo, il Movimento ragiona: “Oggi abbiamo bisogno di nuove parole guerriere, di nuovi obbiettivi, di progetti da realizzare. Va tracciata la nuova traiettoria da seguire e va messa alla prova la nuova organizzazione”. Nel post si legge ancora: “Da tempo stiamo lavorando alla creazione del team del futuro e tra meno di un mese ci saranno 12 facilitatori per altrettante aree tematiche e 6 facilitatori per la parte organizzativa”.

Per tre mesi il “team del futuro” si dedicherà “alla raccolta e alla valutazione” di progetti tra attivisti e iscritti “che saranno presentati, discussi ed elaborati a marzo” agli Stati Generali del Movimento”. Sarà quello il momento, si legge ancora, in cui “uniremo tutti questi progetti come dei puntini e il disegno che ne verrà fuori sarà il nostro piano decennale per l’Italia”. “Sarà il tempo e il luogo in cui il Movimento rinascerà, anche battezzando in quella sede una nuova Carta dei Valori – scrive ancora il Blog delle Stelle – Rinascerà e sarà capace di guardare oltre e guardare lontano, guardarsi dentro e guardare fuori. Sarà in grado di ascoltare e di ascoltarsi a fondo, per tramutare in realtà ciò che ha visto e ciò che ha ascoltato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liliana Segre, il consiglio comunale di Sesto San Giovanni boccia la cittadinanza onoraria. Il sindaco di Biella si scusa: “Sono un cretino”

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, il muro del Pd per salvare politici e colletti bianchi. La minaccia a Bonafede: cancellare la riforma con FI

next