“Stanco dei soliti viaggi organizzati coi piedi, in overbooking, coi bambini che piangono? È tutto finito, ci pensiamo noi”. È l’apertura, ironica, dello spot lanciato da Open Arms per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla propria attività di soccorso in mare. “Questa non è una crociera – avverte più seria una delle attrici che si è prestata per il video, Donatella Finocchiaro – è il viaggio di migliaia di persone che rischiano la vita per fuggire da guerre e miseria. Salvare vite non è un reato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Testamento biologico, Associazione Coscioni lancia chat per chiarire i dubbi sulla legge: “Stato non fa nulla per dare accesso a informazioni”

prev
Articolo Successivo

Paralimpiadi di Tokyo, il viaggio in Giappone dell’attivista Lamarca per selezionare luoghi senza barriere e inclusivi per turisti disabili

next