Alcuni giorni fa, durante l’X019 tenutosi a Londra, Microsoft ha svelato il primo gameplay trailer di Age of Empires IV, il quarto capitolo della sua serie di videogiochi strategici in tempo reale (o RTS), in cui si riescie ad avere un’idea di quanto è previsto dal punto di vista grafico per battaglie e ambientazione.

Allo sviluppo del nuovo gioco, il cui primo annuncio risale al 2017, sta lavorando Relic Entertainment, lo studio oggi di proprietà di SEGA che in passato ha lavorato su altri celebri strategici come Company of Heroes e Warhammer 40.000: Dawn of War. Le campagne di Age of Empires IV dovrebbero ruotare tra medioevo e rinascimento, vedendo coperti periodi antecedenti e successivi a quelli presenti sullo storico Age of Empires II (di cui alcuni giorni fa è stata rilasciata la Definitive Edition).

Non è ancora nota la data di rilascio ufficiale, ma si ipotizza che ciò possa avvenire nel 2021, evitando un’uscita in contemporanea con Age of Empires III Definitive Edition, remastered del terzo capitolo uscito nel 2005 attesa per il prossimo anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’algoritmo rimuove le distorsioni dalle foto subacquee per aiutare la ricerca oceanica

prev
Articolo Successivo

Google Assistant ti legge le principali notizie, lancio globale dal 2020

next