‎In un post sul sito ufficiale di ‎‎supporto‎‎, Microsoft ha comunicato che l’app mobile per Android e iOS dedicata all’assistente digitale Cortana, non sarà più disponibile a partire dal prossimo 31 gennaio 2020. La decisione tuttavia non determina la fine dell’assistente digitale stesso. Come già spiegato dal colosso di Redmond infatti Cortana ha indubbiamente perso la sfida con Google Assistant, Amazon Alexa o Apple Siri come assistente digitale indipendente, anche a causa del fallimento della piattaforma mobile Windows Phone. Per questo l’IA si evolverà, trovando un ruolo come assistente all’interno della suite di produttività personale Office 365.

Android Cortana sarà rimossa anche dal Windows Launcher, l’app che serve a modificare aspetto e funzionamento della schermata principale dello smartphone, ma ovviamente resterà ancora accessibile su Windows 10 per desktop. Microsoft inoltre ha informato che ogni promemoria o appuntamento creato tramite Cortana sarà da ora in poi sincronizzato automaticamente con l’app To Do, disponibile gratuitamente su tutti i principali sistemi operativi.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

Il futuro dell’assistente digitale resta comunque nebuloso. I colleghi di The Verge infatti hanno notato che il comunicato riguardante la fine dell’app per iOS e Android è stato pubblicato solo in Australia, Regno Unito e Canada. In seguito alla loro espressa richiesta quindi, Microsoft ha confermato che le app non saranno più disponibili anche in Germania, Messico, Cina, Spagna e India entro il 31 gennaio 2020. Questo sembrerebbe quindi escludere gli Stati Uniti e l’Italia, anche se è difficile immaginare una strategia non omogenea sui diversi mercati. È possibile invece che l’eliminazione proceda a scaglioni e che il nostro Paese sarà raggiunto dai cambiamenti in un secondo momento.

Nel frattempo Microsoft ha già iniziato a integrare Cortana nei suoi servizi di produttività, nello specifico in Outlook, l’app per la gestione delle mail e del calendario, a partire dalla versione per iOS, per portarla poi anche in Android dalla prossima primavera. Non ci sono invece scadenze precise per l’integrazione di Cortana nella suite di produttività Office 365.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple Mac Pro e Display XDR pensati per l’utenza professionale, arriveranno a dicembre

prev
Articolo Successivo

Google punta sugli SMS 2.0 in stile Apple. Presto l’app Messaggi supporterà la tecnologia RCS

next