Digitare sulla tastiera del computer o dello smartphone un giorno sarà acqua passata. Microsoft intende evolvere il suo assistente personale Cortana fino a permettere agli utenti di dialogare con il computer in modo del tutto naturale. La prospettiva è stata illustrata nel corso della conferenza Microsoft Build 2019 per gli sviluppatori che si chiude oggi a Seattle.

Le nuove opportunità scaturiscono dall’acquisizione di Semantic Machines da parte di Microsoft avvenuta lo scorso anno. È un’azienda che ha sviluppato un nuovo approccio rivoluzionario all’Intelligenza Artificiale conversazionale. Sfruttando l’apprendimento automatico, consente di interagire con informazioni e servizi in modo più naturale. L’obbiettivo dichiarato fin dall’inizio era proprio quello di sfruttare le competenze di Semantic Machines per evolvere Cortana, ed è quello che sta accadendo.

 

Foto: Depositphotos

 

La promessa è che in un futuro non ancora ben definito, gli utenti non avranno più bisogno di dire la parola magica “hey Cortana” per avere l’attenzione dell’assistente vocale, e non dovranno scandire bene comandi precisi e un po’ impacciati. L’assistente vocale sarà sempre in ascolto e si potrà usare un linguaggio naturale per farsi ricordare data e ora di un appuntamento, per verificare se le persone che dovranno prendere parte a una riunione sono state avvisate e molto altro.

Quando? Non sarà immediato. Il primo passo sarà l’integrazione delle tecnologie di Semantic Machines nei servizi Microsoft, Cortana inclusa. Poi la palla passerà agli sviluppatori, che dovranno capitalizzare le nuove risorse per generare servizi, quindi i servizi saranno disponibili agli utenti.

 

Resta il fatto che a determinare le principali novità del futuro saranno le Intelligenze Artificiali, come suggerisce anche l’altra novità annunciata alla Build 2019 e relativa all’evoluzione di Word.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto a guida autonoma, il ministero autorizza la prima sperimentazione su strada pubblica. Primi test a Torino e a Parma

next
Articolo Successivo

Smartphone Pixel 3a e 3a XL in arrivo in Italia, ecco prezzi, caratteristiche e le prime impressioni d’uso

next