“Vorrei chiedere a Giuseppe Conte se nei mesi passati ha firmato, magari di nascosto o di notte, un accordo in Unione europea per cambiare il Mes (Meccanismo europeo di stabilità, ndr) e cioè il fondo salva-Stati in fondo ammazza-Stati, chi ha voglia chieda Conte se, senza autorizzazione del Parlamento e ovviamente della Lega, ha dato l’ok dell’Italia e sarebbe alto tradimento. Se qualcuno lo ha fatto lo dica prima che sia tardi e si ponga rimedio altrimenti sarà alto tradimento e per i traditori il posto giusto è la galera”. A dirlo, in diretta Facebook, il leader della Lega, Matteo Salvini, che accusa il presidente del Consiglio di aver dato l’ok alla riforma del Mes, che porterebbe, secondo i critici, al rispetto di paletti macroeconomici più stringenti per l’Italia e a svantaggiare i Paesi con alto debito pubblico.

Palazzo Chigi, tuttavia, ha smentito tutta la ricostruzione di Salvini. Anzi, ricordando che la revisione non è stata votata in nessun vertice europeo, in una lunga nota informale la presidenza del Consiglio ha ricordato che quando la riforma è stata discussa in sede europea (a giugno, con la maggioranza M5s-Lega) “il senatore Salvini, all’epoca era vicepresidente del Consiglio dei Ministri nonché ministro dell’Interno, e avrebbe dovuto prestare più attenzione per l’andamento di questo negoziato, tanto più che l’argomento è stato discusso in varie riunioni di maggioranza, alla presenza di vari rappresentanti della Lega (viceministri all’Economia e presidenti delle Commissioni competenti). Il fatto che il senatore Salvini scopra solo adesso l’esistenza di questo negoziato è molto grave. Denota una imperdonabile trascuratezza per gli affari pubblici. Chi pretende di guidare l’Italia senza premurarsi di studiare i dossier dovrebbe quantomeno evitare di diffondere palesi falsità. Con la propaganda intrisa di menzogne non si curano certo gli interessi dei cittadini italiani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, Palazzo Chigi: “Revisione già votata? Da Salvini falsità. Era vicepremier quando se n’è discusso. Almeno prima studi”

next
Articolo Successivo

Trenta lascerà la casa della Difesa: “Mio marito ha presentato istanza di rinuncia. Forse da ministro ho dato fastidio a qualcuno”

next