Nel faccia a faccia della settimana ad “Accordi&Disaccordi”, il talk politico in onda su Nove tutti i venerdì alle 22.45 Luca Sommi interpella Marco Travaglio sul Mose, “una storia all’italiana” e sui suoi responsabili. “Beh, uno in particolare non c’è, nel senso che ce ne sono tanti – ha spiegato il direttore de Il Fatto Quotidiano – “Il Consorzio Venezia nuova era guidato all’epoca da Luigi Zanda e da Giovanni Mazzacurati, che adesso è morto, e Luigi Zanda è finito a fare il capo dei senatori del Pd. Poi ci sono stati i governi di centrodestra e centrosinistra: nel centrosinistra Romano Prodi è stato, insieme a Zanda, il più grande sponsor di quel progetto; nel centrodestra Berlusconi con il suo famigerato ex ministro Pietro Lunardi, quello che voleva convivere con la mafia, e devo dire, era anche sincero vista la compagnia con cui stava. E poi ci sono stati gli altri ministri: Delrio, Lupi e tanti altri, questi sono i responsabili”.

“Accordi&Disaccordi” è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9. Segui @aedtalkshow su Facebook, Twitter e Instagram.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Di Maio: “Il Mose è stato il più grande monumento alla corruzione in Italia, ma va completato”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Scanzi: “In Emilia i Cinque stelle dovrebbero condizionare Bonaccini e il centrosinistra migliorandoli”

next