ASUS ha annunciato l’arrivo in Italia delle nuove cuffie TUF Gaming H3, pensate per offrire comfort e qualità audio a chi è appassionato di videogame ma è sempre attento al prezzo. Le nuove cuffie infatti mescolano diverse caratteristiche tecniche interessanti, come il supporto al surround virtuale a 7.1 canali e la presenza di driver da 50 mm, a un design leggero e confortevole anche dopo lunghe sessioni di gioco, a un prezzo abbordabile.

Tra le caratteristiche salienti, come detto, troviamo anzitutto la presenza dei driver ASUS Essence da 50 mm che, in abbinamento al design a camera stagna, offrono un audio più chiaro e bassi profondi per un’ottima immersività sia con la musica che con film e giochi. Molto importante in quest’ultimo contesto, ma anche per la riproduzione audio dei film, il supporto al Virtual Surround a 7.1 canali, che consente di riprodurre una grande spazialità, restituendo suoni direzionali a 360° attorno all’ascoltatore.

Ma cuffie pensate per il gaming non sarebbero complete se non offrissero anche un’ergonomia ottimale. ASUS ha scelto per le TUF Gaming H3 materiali al tempo stesso resistenti e leggeri, così da offrire comfort anche a chi le indossa per lungo tempo. L’archetto superiore, ad esempio, realizzato in acciaio inossidabile, è progettato per diminuire del 20% la forza esercitata rispetto ad altre cuffie.

Non manca infine un microfono unidirezionale, ottimizzato appositamente per comunicazioni vocali, indispensabile per chi gioca online in multiplayer con altri giocatori. Sul padiglione sinistro sono inoltre presenti anche dei comandi intuitivi che consentono di regolare il volume o disattivare il microfono in caso di necessità. È infine garantito un vero e proprio supporto multipiattaforma, tra cui PC, MAC, PS4, Nintendo Switch, smartphone e Xbox One.

Le ASUS TUF Gaming H3 sono disponibili in quattro diverse colorazioni: Silver, Red, Blue e Gun Metal, al prezzo di 59,90 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Echo Dot, lo smart speaker economico di Amazon, in offerta a 19,99 euro

prev
Articolo Successivo

Canta assieme a Spotify, in test la sincronizzazione tra testi e riproduzione dei brani

next