È ipotizzata la corruzione nell’inchiesta della procura di Napoli sull’ospitalità degli atleti durante le scorse Universiadi che si sono svolte a luglio in Campania. Nel registro degli indagati sono finiti, come riportano alcuni quotidiano tra cui Il Fatto Quotidiano, il vice presidente della giunta regionale della Campania, Fulvio Bonavitacola (Pd,a sinistra nella foto), e l’imprenditore alberghiero, Rocco Chechile, amministratore unico della Immobiliare Panoramica srl, proprietario del Grand Hotel Salerno. Gli inquirenti vogliono approfondire la correttezza nei rapporti tra privati e rappresentanti delle istituzioni nella organizzazione e gestione dell’evento.

La Procura ha notificato un decreto di perquisizione all’imprenditore alberghiero (per ordine del pm Henry John Woodcock e Francesco Raffaele, titolari del fascicolo con il coordinamento del procuratore Giovanni Melillo) e un avviso di garanzia a Bonavitacola.

Tra i punti da chiarire ci sarebbero, secondo gli inquirenti, le modalità con cui sono state scelte alcune strutture per l’ospitalità e il presunto soggiorno dello stesso vice presidente e di persone di sua conoscenza nell’albergo salernitano. C’è da ricordare che la scelta di Napoli e della Campania era avvenuta in seguito alla rinuncia di Brasilia.

“La struttura commissariale si è avvalsa di accordi quadro, affidati dalla Consip ad agenzie specializzate del settore – ha detto Bonavitacola interpellato da Il Mattino – Ho appreso di un’indagine volta a verificare mie responsabilità in ordine alla scelta di utilizzare una struttura alberghiera salernitana per ospitare una parte degli atleti partecipanti alle recenti Universiadi. Successivamente l’agenzia aggiudicataria della Consip ha individuato con proprie procedure le strutture alberghiere più idonee ad ospitare gli atleti, d’intesa con il comitato organizzatore dei Giochi. Smentisco in modo categorico alcun nesso fra rapporti personali con il gestore della struttura alberghiera e la scelta di ospitare presso tale struttura gli atleti delle Universiadi. Esprimo piena fiducia negli organi inquirenti, convinto che si potrà accertare in tempi anche rapidi la mia assoluta estraneità a qualsiasi condotta illecita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Avastin-Lucentis, dirigenti dell’Agenzia italiana del farmaco indagati dalla Corte dei Conti per danno erariale da 200 milioni

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, attesa per la sentenza per i cinque carabinieri imputati. La sorella: “Spero possa avere giustizia e riposare in pace”

next