È ipotizzata la corruzione nell’inchiesta della procura di Napoli sull’ospitalità degli atleti durante le scorse Universiadi che si sono svolte a luglio in Campania. Nel registro degli indagati sono finiti, come riportano alcuni quotidiano tra cui Il Fatto Quotidiano, il vice presidente della giunta regionale della Campania, Fulvio Bonavitacola (Pd,a sinistra nella foto), e l’imprenditore alberghiero, Rocco Chechile, amministratore unico della Immobiliare Panoramica srl, proprietario del Grand Hotel Salerno. Gli inquirenti vogliono approfondire la correttezza nei rapporti tra privati e rappresentanti delle istituzioni nella organizzazione e gestione dell’evento.

La Procura ha notificato un decreto di perquisizione all’imprenditore alberghiero (per ordine del pm Henry John Woodcock e Francesco Raffaele, titolari del fascicolo con il coordinamento del procuratore Giovanni Melillo) e un avviso di garanzia a Bonavitacola.

Tra i punti da chiarire ci sarebbero, secondo gli inquirenti, le modalità con cui sono state scelte alcune strutture per l’ospitalità e il presunto soggiorno dello stesso vice presidente e di persone di sua conoscenza nell’albergo salernitano. C’è da ricordare che la scelta di Napoli e della Campania era avvenuta in seguito alla rinuncia di Brasilia.

“La struttura commissariale si è avvalsa di accordi quadro, affidati dalla Consip ad agenzie specializzate del settore – ha detto Bonavitacola interpellato da Il Mattino – Ho appreso di un’indagine volta a verificare mie responsabilità in ordine alla scelta di utilizzare una struttura alberghiera salernitana per ospitare una parte degli atleti partecipanti alle recenti Universiadi. Successivamente l’agenzia aggiudicataria della Consip ha individuato con proprie procedure le strutture alberghiere più idonee ad ospitare gli atleti, d’intesa con il comitato organizzatore dei Giochi. Smentisco in modo categorico alcun nesso fra rapporti personali con il gestore della struttura alberghiera e la scelta di ospitare presso tale struttura gli atleti delle Universiadi. Esprimo piena fiducia negli organi inquirenti, convinto che si potrà accertare in tempi anche rapidi la mia assoluta estraneità a qualsiasi condotta illecita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Avastin-Lucentis, dirigenti dell’Agenzia italiana del farmaco indagati dalla Corte dei Conti per danno erariale da 200 milioni

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, attesa per la sentenza per i cinque carabinieri imputati. La sorella: “Spero possa avere giustizia e riposare in pace”

next