La Germania schiva il pericolo recessione tecnica: nonostante le aspettative negative, il Pil tedesco nel terzo trimestre è cresciuto dello 0,1%, dopo una contrazione dell’economia dello 0,2% nel periodo precedente (aprile-giugno) dovuta principalmente alla debolezza dell’industria. L’Ufficio federale di statistica di Wiesbaden (Destatis) spiega che tra luglio e settembre un impulso importante è arrivato dal consumo privato e dal rialzo dell’export, mentre l’import è rimasto ai livelli dei mesi precedenti. Gli investimenti in immobili sono stati superiori a quelli del periodo aprile-giugno, mentre quelli in attrezzature sono diminuiti. Il Pil è cresciuto inoltre dell’1% rispetto allo stesso periodo del 2018: anche in questo caso, un dato superiore rispetto alle attese.

La congiuntura economica si è stabilizzata, rileva l’istituto per la ricerca economica Ifo, e Berlino può tirare un sospiro di sollievo. Due trimestri consecutivi di flessione avrebbero significato recessione tecnica. “Non possiamo parlare di un cambiamento fondamentale nell’economia, ma questi indicatori portano un leggero barlume di speranza“, ha dichiarato con cautela il ministro dell’Economia, Peter Altmaier, in una nota. “Recessione o no, l’economia tedesca è caduta di fatto in una stagnazione, con una crescita media trimestrale dello 0,1% dal terzo trimestre del 2018″, ha aggiunto Carsten Brzeski, economista di Ing Bank.

Per Tim Wollmerhayser, dell’istituto economico Ifo, una “non bisogna temere una recessione profonda nei prossimi mesi”, perché i “rischi di una ‘hard Brexit‘ o di una nuova escalation della guerra commerciale voluta dagli Stati Uniti sono diminuiti“. La maggior parte degli istituti di ricerca tedeschi sta scommettendo su una riaccelerazione dell’economia il prossimo anno, mentre il governo prevede solo uno 0,5% di crescita quest’anno e si aspetta un 1% di espansione del Pil per l’anno prossimo.

La stagnazione attuale riguarda non solo la Germania, ma tutta l’Eurozona. Le stime flash di Eurostat parlando di una crescita dello 0,2% nel terzo trimestre 2019, identica a quella del periodo precedente. Allargando lo sguardo all’intera Unione europea, la stima di espansione del Pil è dello 0,3%. Il dato per l’Italia, così come per la Germania, conferma le stime degli istituti di stastica nazionali: è dello 0,1%, il più basso dell’Unione. A crescere più degli altri sono la Polonia (1,3%) e l’Ungheria (1,1%).

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, ArcerlorMittal comunica il piano di chiusura ai sindacati: il 15 gennaio sarà tutto fermo. “Rispetterà pagamenti delle spettanze”

next
Articolo Successivo

Decreto fisco, riammesso l’emendamento sull’Iva ridotta per gli assorbenti. Rientra anche il bonus per comprare airbag per moto

next