La Commissione europea ha dato via libera al salvataggio, con 3,6 miliardi di euro di fondi pubblici, della banca di Hannover Norddeutsche Landesbank. Lo scrive il Frankfurter Allgemeine Zeitung spiegando che per Bruxelles il sostegno offerto dai Land della Bassa Sassonia e della Sassonia-Anhalt assieme alle Casse di risparmio all’istituto, sull’orlo del dissesto, non va considerato un aiuto di Stato. E non viola la direttiva Brrd sulle crisi bancarie, che in generale prevede il bail in a scapito degli azionisti e vieta che vengano impiegati capitali pubblici. Oltre al piano dei due Länder, azionisti di Nord Lb con il 65%, c’era per la banca anche un’offerta privata da parte dei fondi Cerberus e Centerbridge, che è stata rifiutata.

La Norddeutsche è una delle più grandi Landesbanken, istituti di credito all’ingrosso che fanno capo agli Stati federati. La crisi è legata alla presenza in bilancio di oltre 7 miliardi di crediti deteriorati e all’acquisizione della Bremer Landesbank fatta nel 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Televisione, cambia il segnale digitale: due anni di tempo per adeguarsi. Da dicembre via al bonus per l’acquisto di nuove tv o decoder

prev
Articolo Successivo

Industria, Istat: “A settembre fatturato in rialzo di 0,2% e ordini a +1% su agosto. Male l’auto, ma commesse estere in rialzo”

next