Un altro locale incendiato a Centocelle. Questa volta è toccato al Baraka Bistrot, in via dei Ciclamini, a due passi dal centro sociale Forte Prenestino e a La Pecora Elettrica, la libreria-bistrot che è stata colpita, sempre con un incendio doloso, appena tre giorni fa. “Abbiamo chiuso verso le 3 ieri notte e alle 4 l’allarme ci ha chiamato” ha affermato il proprietario Marco Nacchia che aveva rilevato il locale solo a settembre. “Questa cosa è molto più grande di me”.

Per stamattina era stata convocata l’assemblea della Rete territoriale antifascista di Roma Est per parlare di come agire dopo l’incendio a La Pecora Elettrica. “Qualcuno vuole che ci giriamo dall’altra parte – dicono – che ci sia il coprifuoco e alle otto tutti siamo a casa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rigopiano, all’asta vini e mobili dell’hotel della sciagura. Familiari vittime: “Macabra gara per la cantina della morte”

prev
Articolo Successivo

Bolzano,”il medico non sapeva il tedesco”: manifesti con cadaveri all’obitorio diffusi dal movimento di destra Sudtiroler Freiheit

next