Un altro locale incendiato a Centocelle. Questa volta è toccato al Baraka Bistrot, in via dei Ciclamini, a due passi dal centro sociale Forte Prenestino e a La Pecora Elettrica, la libreria-bistrot che è stata colpita, sempre con un incendio doloso, appena tre giorni fa. “Abbiamo chiuso verso le 3 ieri notte e alle 4 l’allarme ci ha chiamato” ha affermato il proprietario Marco Nacchia che aveva rilevato il locale solo a settembre. “Questa cosa è molto più grande di me”.

Per stamattina era stata convocata l’assemblea della Rete territoriale antifascista di Roma Est per parlare di come agire dopo l’incendio a La Pecora Elettrica. “Qualcuno vuole che ci giriamo dall’altra parte – dicono – che ci sia il coprifuoco e alle otto tutti siamo a casa”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rigopiano, all’asta vini e mobili dell’hotel della sciagura. Familiari vittime: “Macabra gara per la cantina della morte”

next
Articolo Successivo

Bolzano,”il medico non sapeva il tedesco”: manifesti con cadaveri all’obitorio diffusi dal movimento di destra Sudtiroler Freiheit

next