Non avete più alibi, dovete scegliere da che parte stare entrando a far parte del capitale sociale dell’antimafia”. È questo l’appello che la procuratrice aggiunta della Dda di Milano, Alessandra Dolci, ha rivolto ai sindaci e agli amministratori dell’hinterland milanese che si sono riuniti nella masseria di Cislago, un bene confiscato alla ‘ndrangheta alle porte di Milano. Da anni la cintura sudovest è considerata dalla Dda come l’area con “il più alto rischio di infiltrazione mafiosa“. E proprio qui gli amministratori della zona si sono confrontati sul tema del riutilizzo dei beni confiscati. “In tutta la provincia milanese ci sono circa 100 beni su 500 che non sono ancora utilizzati – spiega il prefetto Renato Saccone – principalmente per un problema di risorse finanziarie”. La chiave è quella della “sinergia istituzionale” per far sì che il “capitale sociale dell’antimafia – conclude la dottoressa Dolci – cresca sempre di più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il padre contro il figlio che collabora con i magistrati: “Sto bastardazzo ha voluto rovinarci”

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia, durante il processo a Grande Aracri nuovo allarme bomba al tribunale. In aula le chiamate tra boss e intelligence militare

next