Li adescava su Facebook, utilizzando il profilo falso e avvenente di una donna, poi prometteva loro un incontro sessuale in cambio di foto che li induceva a inviare in chat. Infine li attirava a casa sua a Saronno (Varese), dove indossando una parrucca rossa e parlando in falsetto, rimanendo costantemente al buio, abusava di loro. Per questo un operaio di 48 anni è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di aver violentato minorenni.

I militari lo hanno arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia in carcere emessa dal gip di Milano per violenza sessuale su minori aggravata dalla sostituzione di persona, adescamento, detenzione di materiale pedopornografico. L’indagine è stata coordinata dalla Procura di Milano come previsto in casi di violenza sessuale su minori.

Tre i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni, finiti con certezza nella rete dell’uomo. A far partire le indagini dei militari è stato l’intervento di una pattuglia a casa dell’uomo, lo scorso agosto, dove stava litigando con il padre di uno dei minori che aveva scoperto come l’uomo stesse adescando suo figlio. Dall’inchiesta è poi emerso come tra il 2016 e il 2018 il 48 enne aveva già adescato altri tre minori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, accoltella la ex fidanzata sul treno Frecciarossa Torino-Roma: aggressore fermato in stazione. Ferito un passeggero

next
Articolo Successivo

Roma, donna con due figlie travolte da un’auto guidata da 79enne

next