Una donna di 46 anni e le sue due figlie di 9 e 7 anni sono state trasportate in ospedale in gravi condizioni dopo essere state travolte da un’auto mentre erano alla fermata dell’autobus in via Oderisi Da Gubbio, in zona Portuense a Roma. Secondo i primi accertamenti: una 79enne ha perso il controllo della sua auto salendo sul marciapiede dove si trovavano alcune persone in attesa dell’arrivo del bus e poi andando a sbattere contro un albero.

Cinque in tutto i feriti. La 46enne è stata trasportata all’ospedale San Camillo in codice rosso mentre le bambine in codice giallo al Bambino Gesù. Altre due donne sono state portate in ospedale: una in codice giallo al San Giovanni e l’altra in codice verde al Fatebenefratelli. Sul posto per i rilievi e per ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto sono intervenute diverse pattuglie del XI Gruppo Marconi della polizia locale di Roma Capitale.

La macchina è stata posta sotto sequestro. Resta da capire anche se l’anziana sia stata colpita da un malore, o se l’auto sia andata fuori strada a causa di una distrazione o di una manovra sbagliata, forse dovuta all’asfalto bagnato per la pioggia. La 79enne, illesa ma sotto shock dopo l’incidente, sarà indagata per lesioni. Come di prassi in questi casi, è stata sottoposta agli accertamenti per stabilire l’eventuale assunzione di alcol o droghe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Si fingeva donna e adescava ragazzini su Facebook, arrestato per violenza sessuale aggravata

prev
Articolo Successivo

Ragusa, uccide a pugni la madre perché rimasto chiuso fuori casa: arrestato

next