LG Electronics ha annunciato la disponibilità in Italia dei nuovi notebook ultraleggeri LG Gram. Si tratta di tre modelli con display IPS con diagonale rispettivamente pari a 14, 15 e 17 pollici, che si rivolgono soprattutto a quei professionisti che vogliano essere produttivi anche in mobilità, grazie a dispositivi dal peso contenuto ma dalla buona dotazione hardware.

Anzitutto troviamo uno chassis compatto e dalle linee essenziali e stilizzate, realizzato in lega di magnesio rinforzata con nanotubi in carbonio, in grado di soddisfare anche le rigide direttive militari statunitensi MIL-STD-810G per quanto riguarda robustezza e resistenza a urti, infiltrazioni di polvere e liquidi e temperature estreme, a garanzia di un’affidabilità totale quando si è in giro per la città, nei mezzi pubblici e persino nei cantieri o nelle fabbriche.

Per quanto riguarda il parco porte e connessioni troviamo su ciascuno dei tre LG Gram una porta Thunderbolt 3 (USB C) che consente anche di ricaricare eventuali dispositivi collegati, jack audio, slot per leggere memorie esterne e moduli Wi-Fi e Bluetooth. Troviamo infine anche una tastiera retroilluminata e sistema audio con DTS Headphone-X.

Per quanto riguarda le configurazioni hardware, per tutti sono disponibili processori Intel Core di ottava generazione i5 o i7, da 8 a 16 GB di RAM DDR4 e SSD M.2 NVMe da 256 (14 pollici) o 512 GB (15 e 17 pollici). I display infine hanno una risoluzione full HD per i due modelli più compatti che sale a 2560 x 1600 pixel per il 17 pollici, mentre la batteria da 72W, secondo LG, consentirebbe fino a 23,5 ore di funzionamento (si fa riferimento al modello da 14 pollici) con una singola carica.

Infine i prezzi: per acquistare gli LG Gram è necessario spendere rispettivamente 1399, 1499 e 1799 euro per i modelli da 14, 15 e 17 pollici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

WhatsApp ora permette di proteggerci meglio da chi ci vuole aggiungere a tutti i costi a qualche gruppo

prev
Articolo Successivo

Honor 9X, uno smartphone con tante novità ma prestazioni non del tutto convincenti

next