Gli appassionati di videogiochi gradiranno l’arrivo in commercio dei nuovi notebook MSI Alpha 15, che hanno prezzi a partire da 1.199 euro. Tecnicamente parlando, la novità è la scheda grafica Radeon RX 5500M con 4 GB di memoria dedicata, che consente di giocare in modo fluido a una risoluzione di 1080p. Oltre a questo, la tecnologia FidelityFX consentirà di apprezzare gli effetti visivi senza impattare sulle prestazioni.

Ad affiancarla ci sono il processore AMD Ryzen 7 e schermi FreeSync da 15,6 pollici con risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel e frequenze di aggiornamento di 144 Hz o 120 Hz. Significa che le immagini vengono aggiornante fino a 144 o 120 volte al secondo, per offrire esperienze di gioco il più fluide possibili e prive di artefatti grafici.

La quantità massima di memoria RAM che si può installare è di 64 GB, per l’archiviazione dei dati sono previsti sia dischi fissi tradizionali sia unità SSD. La connettività include quattro porte USB 3.2, il connettore di rete, un vano per le schede SD e le uscite video HDMI e Mini-DisplayPort.

Per raffreddare i componenti interni è presente un sistema di raffreddamento Cooler Boost 5. Ci sono inoltre la tastiera retroilluminata, altoparlanti di grandi dimensioni e audio ad alta risoluzione. A questo proposito, il produttore sottolinea che la camera acustica occupa quasi un quarto dello chassis, il che equivale a dimensioni fino a 5 volte superiori alla media. Per verificare la qualità del suono saranno necessarie prove approfondite.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il vetro è la soluzione definitiva per l’archiviazione eterna, parola di Microsoft

prev
Articolo Successivo

Altoparlanti intelligenti a rischio sicurezza: si possono controllare con un laser

next