È stata trovata a terra, dai colleghi, alle 14 di oggi. I medici del 118 hanno notato alcune ferite al petto e al collo, forse provocate da una forbice ed è per questo che sulla morte di una impiegata del comune di Zandobbio (Bergamo) non è esclusa l’ipotesi dell’omicidio. La donna, che si chiamava Bruna Calegari, 59 anni, è stata trovata senza vita nell’ufficio tecnico. I colleghi negli altri uffici non hanno sentito rumori sospetti, ma solo un tonfo. Vicino al corpo dell’impiegata c’era una scaletta con alcune gocce di sangue. Per questo la Procura ha disposto l’autopsia.

In mattinata la donna aveva avuto una discussione con un altro dipendente. Su quest’ultimo non sono però emersi sospetti particolari. I carabinieri stanno sentendo varie persone. La donna potrebbe essere morta per una caduta, ma in questo caso sono da spiegare le ferite. Tra le persone che sono state sentite dai militari dell’Arma di Bergamo c’è anche il sindaco di Zandobbio, Mariangela Antonioli. Le indagini proseguiranno anche nella giornata di domani, con ulteriori interrogatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, pestato dal branco perché non era del quartiere: arrestati nove ragazzini

prev
Articolo Successivo

Luca Sacchi, la madre di Valerio Del Grosso: “Giusto che paghi e si assuma le sue responsabilità”

next