Matteo Berrettini sarà il quarto tennista italiano dell’era Open, il settimo di sempre, ad abbattere il muro della Top 10 mondiale: da lunedì il 23enne romano sarà almeno numero 9 della classifica Atp. Merito della semifinale conquistata all’Erste Bank Open, torneo Atp 500 sul veloce indoor di Vienna, dopo aver battuto ai quarti Andrey Rublev. Berrettini si è imposto 2 set a 0 sul russo in poco meno di due ore di partita (1h53′) vincendo 7-5 il primo set e 7-6 (7-4) il secondo. In semifinale dovrà affrontare il padrone di casa, l’austriaco Dominic Thiem, numero 5 al mondo.

Per Berrettini l’ingresso nella Top 10 è il coronamento di una stagione cominciata da numero 52 al mondo, che lo ha visto collezionare due titoli, a Budapest e Stoccarda, una finale a Monaco di Baviera, oltre alla prima semifinale in un Masters 1000 a Shanghai. Il 23enne allenato da Vincenzo Santopadre, semifinalista agli ultimi Us Open, vanta 42 vittorie (a fronte di 19 sconfitte) in questo 2019. Numeri che gli consentono ad oggi di entrare tra i qualificati alle Finals Atp di Londra: per centrare l’ultimo obiettivo, servirà però un finale di stagione all’altezza di quanto dimostrato finora dal nuovo numero 1 del tennis italiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, in arrivo il Memorial Peppe Greco. La corsa di Scicli compie 30 anni

next
Articolo Successivo

Thiago Motta, prendendolo sul serio

next