“Quindi voi lascerete online le bugie o le tirerete giù? Credo [ndr come risposta] basti un semplice si o no.”È una delle domande più pungenti che ieri, Alexandria Ocasio Cortez, astro nascente del Partito democratico americano ha indirizzato a Mark Zuckerberg, patron di Facebook mettendolo in serio imbarazzo.

Oggi i giornali di mezzo mondo – Italia inclusa – raccontano della giovane deputata che ha “asfaltato” uno degli uomini più ricchi e influenti del mondo e la sua creatura. È naturalmente una delle letture possibili del botta e risposta andato in scena ieri a Washington.

Ma, probabilmente, è solo la più semplice, la più colorita, quella più accessibile al grande pubblico, quella destinata a fare più facilmente notizia. L’altra possibile lettura, l’altra verità è più difficile da accettare, più scomoda, decisamente più complicata da maneggiare.

Perché, a voler essere intellettualmente onesti fino in fondo e a non voler a tutti costi individuare un responsabile per ogni problema che il progresso tecnologico impone all’attenzione della società, bisognerebbe, probabilmente, riconoscere che rispondere alla domanda della Ocasio Cortez non è difficile solo per Facebook, ma è difficile per chiunque.

Siamo davvero così certi che un mondo nel quale Facebook – e naturalmente non solo esso, ma tutti gli altri soggetti che fanno impresa intermediando contenuti altrui – decida autonomamente cosa è vero e cosa è falso, tirando via dal web ciò che ritiene falso sia un mondo migliore? Siamo certi che l’approdo più sicuro per le nostre democrazie, nell’ormai lunga traversata sulle acque agitate del vero e del falso del mare del web, sia rappresentato dall’eleggere Facebook e gli altri giganti dell’intermediazione a Tribunali della verità?

Siamo davvero certi che se Zuckerberg avesse risposto alla Ocasio Cortez che la sua società è determinata a cancellare dal web ogni contenuto che ritenga falso, oggi avremmo avuto qualcosa da festeggiare? Personalmente mi rispondo di no.

L’istituzione di ogni Tribunale della verità – pubblico o privato che sia – non è mai una buona notizia per la società ma, se possibile, l’istituzione di un Tribunale privato della verità è una notizia peggiore dell’istituzione di un tribunale pubblico. Specie in un contesto nel quale – tenuto conto delle regole che attualmente governano la circolazione dell’informazione online – se i giudici di uno di questi tribunali privati cancella troppo non rischia mai alcunché, mentre se cancella troppo poco rischia di sentirsi chiamare a rispondere davanti a un giudice, al Parlamento e all’opinione pubblica di ogni genere di nefandezza.

Forse non esiste un giusto processo alla verità, ma certamente non è giusto quello che potrebbe celebrare Facebook con il suo esercito di moderatori e fact-checker. Probabilmente nessuno, oggi, ha la risposta giusta alla domanda che la Ocasio-Cortez ha posto a Zuckerberg.

Ma se io dovessi rispondere, risponderei che preferisco di gran lunga che un’informazione falsa resti online, piuttosto che un’informazione vera finisca offline e che se dovessi imporre qualcosa a Facebook e ai giganti dell’intermediazione gli imporrei di non rimuovere nessun contenuto dal web – salvo quelli palesemente illeciti – e lasciare che siano giudici e autorità, ovviamente attrezzandosi per l’occasione, a valutare e decidere quali contenuti devono restare online e quali devono essere soppressi dalla più grande piazza pubblica che l’umanità abbia mai conosciuto.

Ma questa non è la risposta giusta alla domanda della Ocasio Cortez, è solo la mia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Copyright, gli editori francesi denunciano Google all’Antitrust: “Non vuole applicare la norma Ue sul diritto d’autore”

next
Articolo Successivo

Facebook, il confronto Ocasio Cortez-Zuckerberg? Puntare sull’oratoria vuol dire mistificare la realtà

next