Non ci sono più combattenti curdi a Ras al-Ayn, una delle città del nord-est siriano sotto assedio dell’esercito turco prima del cessate il fuoco di cinque giorni proclamato giovedì. Lo ha annunciato il comandante curdo Kino Gabriel, dopo che sabato il generale delle Syrian Democratic Forces (Sdf), Mazlum Kobane, aveva denunciato l’impossibilità per la popolazione curda di evacuare l’area a causa dell’opposizione delle milizie pro-Ankara: “Come parte dell’accordo per sospendere le operazioni militari con la Turchia con la mediazione americana – ha riportato il portavoce delle Sdf, Mustafa Bali -, oggi abbiamo evacuato dalla città di Ras al-Ayn tutti i combattenti delle Forze democratiche siriane. Non abbiamo più combattenti in città”. Una scelta che permetterà agli uomini di Recep Tayyip Erdoğan di occupare l’area e costruire una prima parte della zona cuscinetto che sogna di estendere fino a 30 chilometri oltre il confine tra Turchia e Siria.

Si tratta della prima ritirata da quando è stato siglato l’accordo per il cessate il fuoco mediato dagli Usa. Anche i civili abbandonano la città perché, senza la protezione delle Ypg/Ypj, temono rappresaglie.

Intanto, il segretario della Difesa americano, Mark Esper, ha detto che, secondo il piano attuale, le truppe statunitensi che lasciano la Siria andranno nell’Iraq occidentale e che le forze armate Usa continueranno a condurre da lì operazioni contro l’Isis per impedirne la rinascita. Non un ritorno a casa, come invece annunciato dal presidente Donald Trump, ma un semplice spostamento in aree meno calde da un punto di vista della sicurezza.

Parlando con i giornalisti sull’aereo che lo sta conducendo in Medio Oriente, Esper non ha escluso la possibilità che gli Stati Uniti conducano missioni antiterrorismo in Siria dall’Iraq. Ma ha anche precisato che questi dettagli saranno definiti nelle prossime settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il 15 ottobre è stata la Giornata del lavarsi le mani. Ma la rivoluzione ‘igienica’ deve essere un’altra

prev
Articolo Successivo

Elezioni Svizzera, proiezioni: “Verdi oltre il 10% alle legislative, sono il quarto partito”

next